Se telefonando… Semplici potesse riprendere Kofi Agyei. Ma dipende tutto dal Benevento

Zero in una busta, zero nell’altra. Quando giovedì sera sono state definitivamente risolte le ultime comproprietà della storia del calcio italiano, il destino di Daniel Kofi Agyei ha preso la strada di Benevento. La domanda ora è: il centrocampista nato nel 1992 ad Accra, capitale del Ghana, rimarrà in giallorosso o meno? Perché se la sua permanenza in Campania non dovesse proseguire, la SPAL potrebbe essere molto interessata a lui.

Diversi indizi puntano verso di lui. Lo scorso 3 giugno il ds Vagnati ha ammesso di aver pensato a lui per rinforzare la mediana biancazzurra e il ragazzo è già stato alle dipendenze di Leonardo Semplici durante gli anni di formazione nelle giovanili della Fiorentina. Pur non rientrando più negli under, Kofi Agyei (giunto in Italia nel 2007) potrebbe essere l’elemento giusto per garantire ulteriore fosforo al centrocampo, magari allo scopo di dare il cambio a Gentile o all’occorrenza sostituire anche Castagnetti. Nelle ultime due stagioni trascorse a Benevento il mediano ghanese ha messo insieme 46 presenze in campionato, mettendo a segno due gol.

Ora la sua situazione è tutta da definire: il ds giallorosso Di Somma non ha formulato un’offerta per lui e questo potrebbe significare due cose. Che era certo del disinteresse della Fiorentina oppure che il giocatore non rientrava più nei piani della società. Difficile dipanare la matassa, visto che proprio in questi giorni si è concluso il passaggio di consegne tra il vecchio proprietario Oreste Vigorito e Fabrizio Pallotta. Uno dei primi nodi che la dirigenza beneventana dovrà sciogliere sarà quello dell’allenatore, dopo il congedo della coppia Landaida-Cinelli. In cima alla lista dei desideri sembra esserci Domenico Toscano, il tecnico che ha riportato il Novara in serie B. Se il suo ingaggio dovesse effettivamente essere perfezionato, sarà sua l’ultima parola su Kofi Agyei. Nel caso si rivelasse negativa, il giocatore potrebbe ricevere una telefonata dal suo ex allenatore Semplici per riallacciare il filo interrotto nel 2012.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0