Gli obiettivi del vivaio: uno o due giocatori in prima squadra e la tecnica prima di tutto

Presente e futuro della Spal, nella doppia presentazione all’interno della sala stampa del Paolo Mazza. Prima spazio ai nuovi acquisti Cellini e Beghetto, poi la presentazione ufficiale dell’organigramma del settore giovanile biancazzurro per la stagione sportiva 2015-2016.

MATTIOLI E IL PROBLEMA STRUTTURE- E’ il presidente Walter Mattioli ha introdurre lo staff: “La Spal e l’Accademia hanno fatto un ottimo lavoro con un settore giovanile di circa 320 ragazzi. I genitori sono entusiasti dell’operato dei nostri istruttori. Introdurremo una squadra di pulcini 2007 e anche di 2009”. Poi il presidente lancia un appello al Comune: “Ho già parlato con l’Assessore allo Sport. Per poter far allenare al meglio le nostre undici squadre, più quelle dell’Accademia abbiamo bisogno di campi. Il Centro avrebbe bisogno di un campo in erba sintetica. Dalle assegnazioni dei campi, siamo riusciti ad avere la disponibilità di quello di Villanova di Denore, ma allenare i bimbi lì richiede enormi sacrifici”. Al momento confermati il Centro e la Città del Ragazzo, oltre ai poli di Migliarino e Porotto per gli allenamenti. Per le partite confermati: Masi Torello, Masi San Giacomo, Baura e Gambulaga.

ORGANIGRAMMA E STAFF TECNICO- Confermatissimo il giovane Ruggero Ludergnani alla guida del settore giovanile con il supporto organizzativo di Alessandro Orlandini. “In un anno di lavoro ho capito che per crescere occorre organizzarci meglio. Orlandini mi ha dato una grande mano, ma abbiamo scelto Fabio Perinelli come coordinatore tecnico per la sua esperienza e per lavorare in un’unica direzione dal punto di vista tecnico. Ogni singola squadra avrà degli obiettivi da raggiungere e delle indicazioni sul lavoro da fare”. Novità anche sul piano atletico: “Arriverà un preparatore atletico con esperienza internazionale: Carlo Oliani (assente alla presentazione, perché è al momento ancora il preparatore atletico del Koper, formazione slovena di Capodistria, allenata da Rodolfo Vanoli)”. “Vogliamo aumentare i giri e imporre una cultura del lavoro ai ragazzi, – ha chiarito Ludergnani – i pulcini si alleneranno tre volte a settimana, i nazionali quattro. Ci sono maggiori distrazioni per i giovani d’oggi, noi dobbiamo saper occupare il tempo dei ragazzi con l’esercizio tecnico e fisico e solo giocando di più miglioreranno.
A fargli eco è Fabio Perinelli: “Dai piccoli alla Berretti, dobbiamo migliorare l’abilità nel gioco del calcio. Mettendo la tecnica al primo posto. Poi viene la tattica individuale, i movimenti difensivi e offensivi di base. Fatto questo, la tattica che è un lungo blablabla può essere assimilata in cinque minuti. Ma occorre affinare la tecnica e la coordinazione dei movimenti specifici per il gioco del calcio. Ripartire dal gesto tecnico. Il risultato sarà l’ultima cosa che chiederò ai tecnici dopo ogni partita, dobbiamo lavorare per portare uno o due ragazzi in prima squadra”.

NUOVI TECNICI- Assente per impegni familiari il confermato Massimiliano Varricchio alla guida della Berretti, sono un paio i volti nuovi nello staff tecnico: sulla panchina dei Giovanissimi Nazionali di Rossano Cassoni, passato a far parte dello staff di Semplici, siederà l’ex centrocampista della SPAL Lorenzo Di Loreto (24 presenze e 5 reti nella stagione 2006/7 in C2): “Sono stato il secondo di Orecchia al Legnago e poi allenatore in prima squadra. L’anno scorso ho fatto l’osservatore. Sono molto emozionato, speravo di ritornare a Ferrara. Non l’ho presa benissimo quando sono dovuto andar via. Ritrovo il mio compagno di squadra Vagnati (alla Giacomense), sono felice”. Il posto lasciato vacante da Fabio Perinelli sarà rilevato da Matteo Rossi, lo scorso anno con gli Allievi Regionali. Con gli Esordienti 2003 ci sarà Massimiliano Mamini, ex Etrusca, a dimostrazione del rafforzamento del rapporto della SPAL con le società del territorio”.

CALCIOMERCATO – Rivoluzione in Berretti. I ragazzi andranno in prestito in D e in Eccellenza. Nava e Berto all’Adriese, Merighi al Sant’Agostino. Capitan Laquaglia andrà al Mezzolara. Ranieri, tesserato dopo lo svincolo dall’Inter, andrà in D. Scarpi è in trattativa con la Primavera del Vicenza, mentre Milan probabilmente andrà alla Liventina in caso di ripescaggio in D, Tamai per Concas. Per Sorrentino e Bulevardi ci sarà un incontro con il nuovo responsabile del settore giovanile del Sassuolo. Anche per Alessio Atzori, il papà ha firmato per il Siena, dovrebbe esserci la D nel prossimo futuro. In entrata, un paio di ragazzi fra club di Napoli e Torino visti al Torneo delle Regioni e ai raduni.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0