Capece saluta Ferrara, giocherà nell’Arezzo: Peccato non poter continuare, sarei rimasto volentieri

E’ durata una sola stagione l’esperienza di Giorgio Capece a Ferrara: il centrocampista marchigiano infatti si è accasato all’Arezzo dopo la scadenza del suo contratto con la SPAL. Ha firmato un accordo della durata di un anno. D’altra parte una vera e propria trattativa per il rinnovo con la società biancazzurra non c’è mai stata, come ci conferma lo stesso giocatore: “Un discorso concreto non c’è mai stato, ho fatto un paio di chiacchierate al telefono col direttore (Vagnati, ndr), ma niente di che, anche perché la decisione era solo della società. Fosse dipeso da me sarei rimasto, ovviamente con le giuste condizioni. Ma sia chiaro, io non ho né rancore né niente, perché alla SPAL sono stato benissimo e ne ho grande rispetto. Però è evidente che se una società ti vuole tenere te lo fa capire fin da subito”.

Capece ha così ceduto alle lusinghe del club toscano: “Mi avevano contattato già a gennaio, ma avevo rifiutato perché volevo continuare alla SPAL. Poi hanno continuato a cercarmi, soprattutto perché mister Capuano ci teneva molto ad avermi in squadra. E’ una piazza importante e spero di fare bene”. Chissà che le strade tra lui e la SPAL non si possano incrociare nel prossimo campionato: “Vediamo, – dice lui – non si sa mai. Ci tengo a dire che mi dispiace che non si sia potuto continuare insieme e che a Ferrara mi sono trovato davvero benissimo. Tutti, dalla dirigenza allo staff, fino ai tifosi, mi hanno voluto bene e mi hanno fatto sentire come se fossi a casa. A tutti va un enorme ringraziamento. Anche la mia famiglia è stata molto bene. Poi è chiaro che nel calcio si fanno delle scelte ed è andata così. Mi resta la soddisfazione per aver fatto una bellissima esperienza”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0