La società non si nasconde e lancia lo slogan “Insieme per il sogno” per la campagna abbonamenti

Pur non avendo alcuna certezza su gironi e avversarie, la SPAL sembra aver già fissato il suo obiettivo attraverso lo slogan della campagna abbonamenti 2015-2016 che recita: “Insieme per il sogno”. Non per “un” sogno generico, ma per IL sogno, che per la SPAL – a digiuno di cadetteria dal 1993 – non può che essere la serie B. Insomma al bando la prudenza: con questo messaggio la società sembra voler infuocare gli animi della tifoseria, magari garantendosi un bel ritorno al botteghino.

D’altra parte la suggestione è parte integrante delle strategie di marketing in generale. Mica si poteva proporre una cosa del tipo: “Insieme per fare la miglior figura possibile”. La SPAL, almeno sul fronte dell’immagine, decide con sicurezza di puntare in alto e si aspetta di avere un riscontro superiore a quello della scorsa stagione: “Numeri non ne dico, – ha dichiarato Walter Mattioli in sede di presentazione – però ci auguriamo di poter superare i 1.750 della scorsa stagione. So che in tanti sono dubbiosi soprattutto per via del cosiddetto spezzatino delle partite, ma in Lega hanno garantito che quest’anno sarà più contenuto”.

Lo stesso presidente si è preso una parte della paternità del roboante slogan: “Ho chiesto io di cambiare l’articolo in ‘Il’ perché d’altra parte è lì che tutti sogniamo di arrivare. Ma senza i tifosi non è possibile raggiungere questo sogno, per cui chiediamo il loro sostegno. Sono sicuro che se lavoreremo seriamente riusciremo a centrarlo. Serviranno tempo, organizzazione e passione e noi le abbiamo”. Mattioli ha detto la sua anche sui prezzi degli abbonamenti, rimasti invariati rispetto alla scorsa stagione: “Non è stato facile mantenerli tali visto che la stagione 2014-2015 ha richiesto uno sforzo economico superiore al previsto. Se da un lato è vero che ancora non ci sono certezze sul numero di squadre o sul tipo di girone che affronteremo, dall’altro sono dell’idea che tutto resterà come nell’ultima stagione e ci saranno tre gironi da venti”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0