Finotto e Di Quinzio diventano uomini copertina, ma restano con i piedi ben saldi per terra

Ferrara quest’estate avrà modo di familiarizzare ancora di più con i volti di Mattia Finotto e Davide Di Quinzio, visto che le figure dei due giocatori campeggiano su cartelloni e brochure della campagna abbonamenti della SPAL. L’attaccante trevigiano si è detto sorpreso della scelta, oltre che emozionato: “Non me l’aspettavo, questa scelta mi fa davvero piacere. Già nei giorni scorsi avevo visto che la mia immagine era stata usata da LoSpallino per annunciare l’amichevole con l’Udinese… che dire, questa attenzione è bella, spero di poterla ripagare sul campo”. Dopo un inizio di stagione sotto le aspettative, Finotto è diventato pedina inamovibile nell’undici titolare di mister Semplici e ha chiuso la stagione con 34 presenze e 8 gol. Quest’anno gli si chiede un ulteriore salto di qualità. Magari in coppia ancora con Zigoni, che sembra ormai vicinissimo la ritorno: “Spero anch’io di poter fare ancora meglio, se poi torna Zigo posso solo essere contento”. A fargli concorrenza in attacco però ci sarà anche una vecchia volpe come Marco Cellini: “Eh, è un giocatore forte che ha segnato tanto anche in B, ma il suo arrivo può essere solo un vantaggio per tutti, sia per il contributo che può dare alla squadra, sia per l’esperienza che porterà nello spogliatoio”.

Sorride anche Davide Di Quinzio per la scelta di uomo-immagine: “Non avevo mai provato questa sensazione – ha detto il centrocampista – e ovviamente sono contentissimo. Devo ringraziare la società per la scelta, spero di farmi valere per dimostrare di aver meritato questa fiducia”. Lo slogan scelto per la campagna abbonamenti è altisonante e rischia di creare aspettative notevoli. Di Quinzio ne è consapevole e infatti invita a non fare troppi voli con la fantasia: “Sono dell’idea che si debba partire sempre con i piedi per terra, anche se è giusto avere delle aspettative visto il risultato dell’anno scorso. Il gruppo è rimasto più o meno lo stesso ed è un buon punto di partenza, ma non me la sento di promettere qualcosa, si tratti dei playoff o addirittura della promozione. Sappiamo di dover dare continuità a quello che abbiamo fatto nella parte finale della scorsa stagione e se possibile di migliorarci”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0