Verso un Togni-bis? Vagnati smentisce: Stiamo cercando un centrocampista con altre qualità

Vi ho comprato un brasiliano” disse Walter Mattioli poco meno di un anno fa sul palco di piazza Castello, alludendo all’ingaggio di Romulo Togni. Quest’anno non ci sono stati bis del genere, anche se la voce di un possibile ritorno del centrocampista alla SPAL – lanciata da Tuttomercatoweb – si è fatta strada nel pomeriggio di martedì e ha fatto molto discutere i tifosi, soprattutto sul web.

La situazione è questa: Togni, dopo la stagione in prestito a Ferrara, ha fatto ritorno ad Avellino. Con la società irpina il giocatore ha un contratto fino al giugno 2016, ma non rientra nei piani di Attilio Tesser, per cui la sua posizione è ovviamente in bilico. Nonostante questo, il 32enne centrocampista è partito per il ritiro assieme ai suoi compagni e lì rimarrà fino a che non arriverà un’offerta. O fino a che il suo contratto non verrà risolto consensualmente con l’Avellino, ipotesi che peraltro circola già da diversi giorni in Campania. La stampa specializzata nelle ultime settimane ha riportato presunti interessi da parte di una lunga lista di squadre, tra cui Cittadella, Ternana, Crotone, Lanciano, Entella e Teramo. Ora è il momento della SPAL.

Che il giocatore sia stimato da Leonardo Semplici è un fatto acclarato, che il giocatore avesse espresso la volontà di rimanere a disposizione per la SPAL anche. Come è altrettanto vero che in via Copparo sono alla ricerca di un centrocampista in grado di completare il reparto centrale. Ma da qui all’esistenza di una trattativa sembra esserci molta strada. Tanto che il ds biancazzurro Davide Vagnati, usualmente molto abbottonato sulle questioni di mercato, ha smentito l’interesse per Togni: “Mi sento di escludere l’ipotesi di un suo ritorno, sinceramente non so da dove esca questa storia. Al momento siamo alla ricerca di un giocatore dalle caratteristiche diverse”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0