Abbonamenti, raggiunta quota 448 conferme. Gli amministratori: Giusto dare un contributo

Tra i 446 (ri)abbonati della prima settimana ci sono anche il sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani e alcuni assessori della sua giunta. In mattinata il primo cittadino, assieme ad Aldo Modonesi, Simone Merli e al consigliere regionale Paolo Calvano ha fatto visita all’ufficio allestito al Paolo Mazza e ha rinnovato la sua tessera in tribuna azzurra. “Questo è ormai un appuntamento consolidato – ha detto Tagliani – e anno dopo anno stiamo cercando di allargare la squadra. Qui con noi manca solo l’assessore Serra che preferisce abbonarsi in curva”. “Lui è un facinoroso” ha aggiunto l’assessore Merli con una risata. “Ironia a parte – ha continuato il sindaco – siamo felici del legame sempre più forte che c’è tra la città e le sue istituzioni e la SPAL. I traguardi importanti si raggiungono solo facendo gruppo tutti insieme e speriamo che i tifosi possano dare la spinta decisiva per raggiungerli”.
amministratori e dirigenza SPAL_small
Ad ascoltare le parole di Tagliani e degli altri ospiti c’era Walter Mattioli, che si è prodotto in un vero e proprio spot a favore dell’abbonamento: “Penso che faremo una stagione bellissima perché ci sono tutti i presupposti perché sia così. Spero tanto che i tifosi vogliano premiarci con tanti abbonamenti e che a farlo siano soprattutto quelli che nella scorsa stagione non l’hanno fatto. Senza il pubblico non possiamo raggiungere i nostri obiettivi e il peso di una SPAL competitiva non può essere retto esclusivamente dalla famiglia Colombarini che fa già diversi sacrifici”.

amministratori e dirigenza SPAL2_small

L’assessore allo sport Simone Merli ha seguito a ruota l’intervento di Mattioli: “Siamo noi a ringraziare la SPAL per lo sforzo che fa, perché finora ci ha dato grandi soddisfazioni e continua a ispirare fiducia grazie alla serietà del suo operato. Come amministrazione facciamo il possibile per sostenerla anche sul fronte stadio. Di recente abbiamo completato alcuni interventi per agevolare la sicurezza e altri sono in programma nel futuro. A Ferrara non serve uno stadio nuovo, si può tenere a posto il Mazza con la dovuta accortezza, anche perché si tratta di un patrimonio condiviso della città”. A quantificare l’importo dei futuri interventi ci ha pensato il delegato ai lavori pubblici Aldo Modonesi: “Investiremo 89mila euro per altri adeguamenti esterni, da parte nostra ci sono impegno e determinazione anche a fronte di risorse scarse. Abbiamo la fortuna di aver incontrato interlocutori seri e lo prova anche l’investimento per l’illuminazione d’avanguardia che è valsa alla SPAL ed a Ferrara la ribalta nazionale”.

“Io invece mi abbono perché ho dovuto accantonare l’idea di giocare nella SPAL” ha detto scherzando Paolo Calvano. “Battute a parte, credo che questa società abbia ridato ai ferraresi l’orgoglio di tifare SPAL e personalmente mi fa piacere dare un contributo al loro progetto. Mi auguro che in tanti facciano la stessa cosa”. La fase della campagna abbonamenti riservata ai vecchi abbonati riaprirà lunedì 27 luglio e proseguirà per altri tre giorni.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0