Festeggiamenti per il girone B? Non per Vagnati: Aspettiamo la fine del mercato, noi siamo pronti

La collocazione della SPAL nel girone B è stata accolta con una certa soddisfazione dai tifosi biancazzurri. Ma in via Copparo cosa ne pensano? La reazione del ds Davide Vagnati è all’insegna della prudenza: “Personalmente non vedo motivo di festeggiare, diciamo che ci sono dei pro e dei contro. Tra i pro c’è sicuramente la presenza di avversarie all’apparenza meno quotate, ma non ci dobbiamo dimenticare che un anno fa nessuno pronosticava il Teramo tra le favorite per la vittoria finale. Di sicuro nel girone A ci sono squadre che hanno investito di più, ma il mercato deve ancora chiudere e nel girone B non mancheranno le sorprese. Probabilmente la differenza più grande tra girone A e B sta nel livello medio: nel primo tutti se la possono giocare con tutti, nel secondo se si perde terreno potrebbe essere difficile recuperarlo. Detto questo, non stiamo stappando lo champagne: prendiamo atto della scelta del commissario e aspettiamo di misurarci con queste avversarie. Lo facciamo con la convinzione di aver messo insieme una buona squadra”.

In tanti, soprattutto tifosi, metteranno la SPAL in cima alla lista delle favorite per la vittoria finale. Per Vagnati questo non costituirà un problema: “Aspettiamo la fine del mercato per capire meglio i valori. Ma a prescindere da questo, una squadra deve saper prendersi anche responsabilità di questo tipo e gestire le eventuali tensioni che ne derivano. In questo senso credo che il gruppo a disposizione di Semplici sia adeguato per sopportare eventuali pressioni, perché include giocatori che hanno giocato campionati importanti”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0