Debutto complicato per i ragazzi di Di Loreto, il Cesena fa valere la maggiore qualità

È iniziata con il piede sbagliato la stagione dei Giovanissimi Nazionali, sconfitti al “Villani” di Masi Torello per 4-1 dal Cesena. Bisogna però dire che, fino a quando la condizione fisica li ha sorretti, i ragazzi di mister Di Loreto hanno cercato di ribattere colpo su colpo alla formazione romagnola, che si candida a essere una delle protagoniste di questo torneo. Una volta rimasti in dieci, invece, gli spallini hanno prestato il fianco a diversi contropiedi della squadra ospite.

La SPAL è scesa in campo ripartendo dal 343 con cui questi ragazzi avevano giocato nei Giovanissimi Regionali l’anno scorso allenati da mister Borghi. L’inizio di partita è stato il prologo a un primo tempo davvero divertente, giocato a grande ritmo da entrambe le formazioni. Dopo soli tre minuti, direttamente da calcio d’angolo, è stato l’esterno offensivo Alessio a portare in vantaggio i biancazzurri, sorprendendo una difesa romagnola mal piazzata a copertura del primo palo. Nemmeno un minuto dopo, Rizvani ha ristabilito la parità deviando un po’ fortunosamente un rinvio di Campi. Col passare dei minuti è stato il Cesena a rendersi più pericoloso, con Campi che ha avuto più occasioni per farsi perdonare l’errore iniziale, ma nulla ha potuto al 25′ quando, su una ripartenza, Bertini lo ha infilato di sinistro. Il momento di sofferenza ha portato mister Di Loreto a modificare la disposizione in campo dei suoi, passando al 352. Un minuto dopo il gol subito, Mattia Mazzoni ha avuto l’occasione per il pareggio, con la sua bella rovesciata che ha colpito la traversa.

La SPAL è rientrata in campo con un assetto ancora diverso, 4231, ma dopo soli venti secondi ha rischiato il terzo gol, con Campi bravo a salvare su Bertini. Episodio contestato al 45′, con Bertini atterrato in area da Campi: l’attaccante si era liberato di Allegretto in maniera probabilmente fallosa ma il rigore viene concesso comunque. Dal dischetto, però, Zari ha sparato sopra la traversa. Scampato il pericolo, è stato ancora Mazzoni a sfiorare il pareggio con un bel tiro dalla distanza finito poco distante dall’incrocio dei pali. La partita è sostanzialmente finita al 53′ quando Valesani, con un entrata dura su Manara, è stato spedito anzitempo negli spogliatoi dal direttore di gara. Per la verità, al 21′, Rizza ha rischiato di sorprendere nuovamente Colombo sugli sviluppi di un calcio di punizione, con il portiere romagnolo che ha dovuto allungarsi in angolo per sventare la minaccia. Da lì in poi il Cesena ha visto aumentare gli spazi per i suoi contropiedi, con Campi abile più volte a salvare la sua porta, ma che nulla ha potuto al 64′ sul pallonetto di Farinelli e al 71′ sul tiro ravvicinato di El Bouhali.

S.P.A.L.-CESENA 1–4 (1-2)

S.P.A.L. (343): Campi; Valesani, Montanari, Allegretto; Artioli, Mazzoni E. (dal 33′ s.t. Rubini), Mazzoni M., Rizza; Simoni (dal 6′ s.t. Sartori), Merighi, Alessio (dal 33′ s.t. Visentini). A disp. Bertoli, Boschini, Gherlinzoni. All.: L. Di Loreto.

CESENA (4132): Colombo; Brizzolara (dal 1′ s.t Biolcati), Bellucci, Magi, Tosi (dal 29′ s.t. Alboni); Pari (dal 16′ s.t. Alvisi); Rizvani (dal 1′ s.t. Poggi), Farinelli (dal 29′ s.t. Rocchio), El Bouhali; Bertini (dal 16′ s.t. Manara), Braccini. A disp. Vitiello. All. C. Rivalta.

MARCATORI: 3′ p.t. Alessio (S), 4′ p.t. Rizvani (C), 25′ p.t. Bertini (C), 29′ s.t. Farinelli (C), 36′ s.t. El Bouhali (C).
AMMONITI: Simoni (S), Campi (S).
ESPULSI: Valesani (S) al 18′ s.t. per gioco violento.
NOTE: mattinata primaverile, terreno in buone condizioni. Spettatori 150 circa. Angoli: 6 a 3 per il Cesena. Recupero: pt 0’ st 3’.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0