Una prodezza di Lazzari vale lo scacco al Rimini: SPAL che marcia a punteggio pieno

Partita rognosa doveva essere e partita rognosa è stata quella di Santarcangelo, tanto che a deciderla ci ha pensato l’uomo che non ti aspetti. Manuel Lazzari alla terza stagione in biancazzurro trova il suo primo gol in assoluto e tanto basta per affondare un Rimini volonteroso, ma nel complesso poco consistente in attacco. La vittoria proietta la SPAL in vetta alla classifica a punteggio pieno nel girone B, nonostante una prova non certo esaltante in termini di gioco.

La SPAL si presenta al Valentino Mazzola di Santarcangelo (il “Neri” di Rimini è alle prese con il rifacimento del manto erboso) con la novità Bellemo al posto dell’infortunato Gentile rispetto all’undici della scorsa settimana. Mora recuperato. Pesanti assenze in casa Rimini: Della Rocca e Di Maio out per squalifica. Il neoacquisto Albertini (scuola SPAL, in estate aveva provato per il club estense) fermo per infortunio. Capitan Ricchiuti è in panchina. Il tecnico Pane si affida alla velocità di Polidori, dell’ex Cagliari Ragatzu e l’ala Lisi per provare a sorprendere i lunghi centrali spallini. Sold out al “Mazzola”. Nutrita la rappresentanza spallina. Prima del match, palcoscenico per i campioni di Italia del baseball del Rimini.
Partenza con affanno per la SPAL, Branduardi lascia sfilare un retropassaggio, poi con un po’ di fatica e apprensione per i tifosi recupera la sfera. Il Rimini spinge a sinistra con Varutti e Lisi, anche Ragatzu va da quelle parti per tenere a bada Lazzari e mettere in difficoltà Gasparetto. Ritmo buono, ma la giocata viene effettuata a rilento. Qualche spunto da Lazzari a destra. Risponde un affondo di Pedrelli, ma Lisi sbaglia il cross. Al 20’ Ragatzu affonda e cerca l’uno contro uno con Gasparetto. Difensore spallino saltato, ma ci mette una pezza Cottafava, la botta da fuori di Varutti (si era parlato di lui per la fascia sinistra della SPAL) è alta. Stesso copione poco dopo, ma Torelli svirgola dal limite. Cellini e Zigoni isolati. Manovra confusa e prevedibile per la SPAL. Si gioca solo sul binario di destra biancazzurro, inoperosi Mora da una parte e Bifulco dall’altra parte. Il Rimini salta il centrocampo sperando nello svarione difensivo. Al 30’ pressione della SPAL con Cellini e Castagnetti, ma sulla ripartenza la difesa è sguarnita. Lisi salta Gasparetto, accorrono Cottafava e Giani. Cottafava cerca il tackle, ma Lisi appoggia a destra per Polidori che si beve Giani e Gasparetto prima di sparare alle stelle. Pericolo scampato. Al 40’ arriva il primo pericolo spallino. Corner a destra con Castagnetti che pennella per Mora, che a sua volta di testa prolunga sul secondo palo: Gasparetto viene anticipato da un difensore e la palla sbatte sul palo. Ultimo brivido per Lisi che trova la molle opposizione di Castagnetti, ma il tiro è alle stelle.

La SPAL si dimostra più propositiva al rientro dagli spogliatoi. Piccolo brivido per Branduani su uno scontro aereo. Di Quinzio scalda i guanti di Anacoura su punizione da posizione defilata. Poi Cottafava intercetta un pallone sulla trequarti e lancia per Cellini, l’ex Carrarese riesce solo a toccare con la punta dello scarpino, ma Anacoura rimedia in uscita. La SPAL prova a far qualcosa di più. Cellini su invito di Di Quinzio non trova la forza per incornare il portiere a scacchi. La SPAL torna ad attaccare a destra e trova il vantaggio. Lazzari salta come birilli due avversari, entra in area, con una finta manda a sedere il centrale, poi libera un diagonale sporcato che si infila alle spalle di Anacoura. Esplode il settore ospiti.
Il gol dà tranquillità alla SPAL, mentre il Rimini già apparso meno brillante rispetto alla prima frazione sembra scarico. Al 26’sombrero di Finotto per Cellini che prova a calciare al volo, ma non impatta bene e Anacoura controlla. La SPAL controlla, nel Rimini entra Ricchiuti, ma c’è poco movimento. Nel finale, la SPAL spreca un paio di occasioni con Finotto e Cellini in contropiede per chiudere la gara. In pieno recupero il secondo giallo per De Vitis. Peccato, mancheranno lui e Gentile nel prossimo match, potrebbero esserci difficoltà di formazione in mezzo al campo per Semplici.

Rimini-SPAL 0-1 (pt 0-0)

Rimini (442): Anacoura, Pedrelli, Varutti (dal 28′ s.t. De Martino), Torelli, Signorini, Martinelli, Bifulco (dal 15′ s.t. Mazzocchi), Galli, Polidori (dal 28′ s.t. Ricchiuti), Ragatzu, Lisi. A disp.: Ferrari, Bariti, Giua, Marin, Ricchiuti, Sapucci, Esposito, Kumih, Azzolini. All.: Pane

SPAL (352): Branduani; Gasparetto, Cottafava, Giani; Lazzari (dal 43′ s.t. Spighi), Bellemo, Castagnetti, Di Quinzio (dal 19′ s.t. De Vitis), Mora; Zigoni (dal 23′ s.t. Finotto), Cellini. A disp.: Contini, Beghetto, Capezzani, Ceccaroni, Ferri, Silvestri. All.: Semplici

Arbitro: Sig. Fourneau di Roma1 (ass.ti: Costantini e Grieco).
RETI: 14′ s.t. Lazzari (S).
Ammoniti: Martinelli (R), De Vitis (S), Lisi (R), De Martino (R).
Espulsi: De Vitis (S) al 48′ s.t. per doppia ammonizione.
Note: pomeriggio soleggiato, campo in buone condizioni. Angoli: 3-7 per la SPAL. Recuperi: 0′ p.t., 5′ s.t. Spettatori 1500 di cui 370 provenienti da Ferrara.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0