Pistoiese che esce a testa alta e con tanta rabbia addosso. Ricci: Risultato largamente falsato

La SPAL festeggia, la Pistoiese recrimina: sia mister Max Alvini sia il direttore Nelso Ricci hanno criticato l’operato dell’arbitro, reo a loro giudizio di aver concesso un rigore molto dubbio alla SPAL. Un penalty decisivo nell’economia della partita.

MASSIMILIANO ALVINI

NELSO RICCI: “Penso che il risultato sia stato largamente falsato dall’episodio del rigore. Credo che la Pistoiese non abbia meritato di perdere, i giocatori sono molto rammaricati e hanno i loro giusti motivi. Io non sono solito fare delle sceneggiate, ma voglio portare il rammarico da parte di tutta la società perché per la terza domenica consecutiva veniamo penalizzati. In questa partita in particolare l’episodio del rigore è stato determinante: io ero a pochi passi, seduto in panchina: prima è caduto Cellini, poi Di Bari. Comunque se pensate che il rigore ci fosse siamo a posto così, arrivederci a voi e alla vostra sportività. Avete visto una buona Pistoiese? Bene, la nostra è una squadra giovane con un allenatore che la fa giocare in un determinato modo. Che SPAL ho visto? Una grande squadra, ha fato due tiri in porta e ha segnato due gol”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0