Rimonta vincente e primato conservato, ma il ritornello non cambia: Tenere i piedi per terra

Altre voci dalla sala stampa del dopo SPAL-Pistoiese: patron Simone Colombarini, Marco Cellini e Mirco Spighi.

SIMONE COLOMBARINI
“Vincere partite come queste è sempre bello, devo ammettere che segnare negli ultimi minuti è sempre un’emozione unica. Oggi abbiamo giocato contro una grande squadra, ben messa in campo e che ci ha dato del filo da torcere soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa secondo me abbiamo fatto vedere qualcosa in più noi, e poi con la complicità del calo della Pistoiese siamo riusciti a trovare la via del gol. L’incremento del pubblico rispetto all’ultima partita? Fa piacere, sono segnali che fanno bene. Sentiamo l’affetto della città di Ferrara per questa squadra e sono convinto che fino a che continueremo a lottare per il vertice della classifica, difficilmente gli spettatori caleranno. Ormai sono diversi mesi che ci stiamo abituando a vincere, tre vittorie consecutive non vogliono dire niente per il campionato, ma sono la dimostrazione che la squadra c’è, anche se deve comunque migliorare ancora sotto tanti aspetti. In ogni caso abbiamo già fatto nove punti, giocando anche contro squadre che sulla carta dovrebbero essere le favorite per un piazzamento di alta classifica alla fine di questo torneo: vedremo anche le prossime avversarie prima di tirare qualsiasi tipo di conclusione. La SPAL sarà la squadra da battere? Non lo so, di certo se continueremo su questa squadra molte formazioni verranno qui chiudendosi per strappare un pareggio e in questo modo per noi sarà più complicato giocare a calcio, dovremmo essere bravi a sfruttare anche i pochi spazi che ci saranno concessi”.

MIRCO SPIGHI
“Sono entrato in una fase delicata della partita, ma sono contento di aver dato una mano per aver portato a casa quest’importante vittoria contro una squadra molto forte e veloce. La Pistoiese ci ha messo in difficoltà sul piano della velocità, in quanto davanti avevano dei giocatori davvero rapidi. Poi quando abbiamo preso le misure siamo riusciti a manovrare con maggiore calma, creando diverse palle gol. Non possiamo certamente pensare di affrontare un campionato pensando di giocare sempre noi la palla, avremo dei momenti di difficoltà, ma essendoci un gruppo importante sono sicuro riusciremo a superare anche quelli. Poco spazio finora? Siamo solo alla terza giornata, la società ha costruito una rosa importante con due soluzioni per ruolo, ci sarà spazio per tutti”.

MARCO CELLINI
“Questa è stata la prima volta che ci siamo trovati in svantaggio e la reazione che abbiamo avuto dopo aver subito gol penso sia un segnale importante. Abbiamo cercato prima la rete del pareggio e successivamente quella della vittoria con la giusta pazienza ed equilibrio. Una grossa mano ce l’hanno data i ragazzi che sono entrati a partita in corso, a testimonianza dell’ottimo gruppo che ha a disposizione il mister. In ogni caso è presto per fare qualsiasi discorso, noi siamo consapevoli delle nostre qualità ma dobbiamo restare con i piedi per terra, i tifosi invece è giusto che sognino”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0