Gioventù spallina in prestito: monumentale Laquaglia contro il Parma, bene Atzori, gol per Baldon

Settimana globalmente positiva per i giovani spallini in prestito. Perde solo il portiere Giovanni Ranieri con il suo Foligno, ma l’ex Inter non scende in campo.

SERIE D

MARCO LAQUAGLIA (MEZZOLARA)- E’ lui il protagonista settimanale della nostra rubrica. Allo “Zucchini” di Budrio è sold-out, perché arrivano la capolista Parma e le telecamere di Sky. Mister Bazzani dà ancora fiducia all’ex capitano della Berretti biancazzurra e al suo fianco piazza l’altro ex, il centrocampista Evangelisti. Dopo quattro vittorie i ducali impattano contro il muro eretto dai bolognesi. Il Mezzolara nel primo tempo sfiora il gol in almeno tre occasioni (una anche con l’ex Macagno). L’ex Busato si esalta contro Longobardi, Baraye e Lauria. I quotidiani locali assegnano 6.5 al ragazzo. Per Parmalive.com è addirittura da 7 la prova del centrale: “Gran partita in coppia con Evangelisti, i due lasciano solo le briciole a Longobardi”.
Così lo stesso Laquaglia: “Vedermi su Sky ha reso mio padre molto orgoglioso. Un’emozione incredibile entrare in campo con la tifoseria del Parma che batteva i tamburi, cantava e accendeva fumogeni giallo-blu. Marcare Longobardi o Guazzo era quasi uguale, perché sono giocatori molto simili e di categoria superiore. E’ stato bello giocare contro Lucarelli, un difensore che ha avuto tanta esperienza in serie A. Mi sto togliendo qualche soddisfazione, non subire gol contro il Parma, se si fa il difensore centrale, rende orgogliosi. In estate avevo la possibilità di andare a Gavorrano, ma poi c’erano dei problemi logistici e allora Mezzolara è stata un’ottima prospettiva per la mia crescita. Poi c’è Bazzani che di calcio se ne intende. A Mezzolara c’è un ottimo ambiente per far calcio. Questo girone della serie D è il più tosto: Parma, Forlì, San Marino, Altovicentino, Imolese. I giovani come me hanno più opportunità per mettersi in mostra. Partivo come quarto centrale, poi l’infortunio di Teoldi e l’espulsione di Gabrielli alla prima di campionato hanno permesso il mio esordio e ho cercato di far di tutto per tenermi stretto il posto. Per ora ci sono riuscito e spero di continuare ad avere la fiducia del mister”.

ALESSIO ATZORI (RAVENNA)- Il Ravenna reduce da tre ko consecutivi strappa un pari casalingo contro l’ambiziosa Imolese ancora a corto di risultati. Partita bloccata. Atzori entra al 12’ della ripresa al posto di Maini e si piazza sul lato destro della linea difensiva. Subito in partita, aiuta i compagni a mantenere il risultato. Prova tra il 6 e il 6.5 per i quotidiani locali. Sufficienza piena.

DAVIDE SCARPI (LEGNAGO SALUS)- Legnago corsaro a Forlì contro la Sammaurese. Decide il giovane Tresoldi. Poi il Legnago resta in dieci e nella ripresa viene espulso anche mister Orecchia. Scarpi subentra al novantesimo al posto di Martino.

GIANMARCO PIERFEDERICI (SAN MARINO)- Mister Medri lo schiera dal primo minuto contro la Correggese. I Titani vanno sotto di due reti, ma poi rimontano fino al pari. Quinto risultato utile consecutivo. Gioca solo un tempo l’esterno offensivo scuola Cesena. Poco da segnalare. Lascia il campo con la Correggese avanti 1-0. Dopo l’intervallo resta negli spogliatoi al suo posto entra Gambini per un diverso assetto tattico.

ALBERTO MILAN E CORRADO CONCAS (TAMAI)- Ancora panchina per Milan. Nuova maglia da titolare per Corrado Concas nella trasferta col Giorgione. Finisce 1-1 con il Tamai, ma i gol arrivano nel finale quando la mezzala mancina ha già abbandonato il campo. Sessantacinque minuti dove abbina quantità e qualità con recuperi ad aiutare la retroguardia e qualche buona imbucata per le punte.

GIOVANNI RANIERI (FOLIGNO)- Brutto momento a Foligno. Esonerato l’ex centrocampista di Perugia e Milan Federico Giunti. Al suo posto è arrivato Pierfrancesco Battistini. Le cose però non sono cambiate. Il Foligno perde in casa con il Valdinievole Montecatini per 0-2. Panchina per Ranieri, in porta va l’ex Perugia Alessandro Farnoni (’97).

ECCELLENZA

FEDERICO MERIGHI (SANT’AGOSTINO)- Il Sant’Agostino va avanti due volte, ma in entrambi i casi viene raggiunto dal Conselice. L’intelligenza tattica di Merighi torna utile a mister Ferrari che lo schiera da terzino sinistro. Novanta minuti di sostanza per “Mero”, sottolineata dalla sufficienza assegnata dai colleghi de La Nuova Ferrara: “6. Non spinge molto, ma le sue giocate sono efficaci”.

GIOVANNI DE MARTINO (ARGENTANA)- L’Argentana ringrazia l’ex capitano biancazzurro Davide Marchini. Una sua rete piega l’Axys Valsa dell’ex Marongiu. De Martino entra al 65’ al posto di Saletti. Per La Nuova Ferrara la prova è da 5.5 “non punisce gli avversari quando gli concedono spazio”.

ANDREA BALDON (COPPARESE)- Trova il gol, l’ex centravanti di Varricchio. Dopo il vantaggio di Nalli è lui a firmare il raddoppio deviando in rete un assist di Monchi da distanza ravvicinata. Poi, dopo il gol del Cattolica, ha un’altra occasione al 30’. Al 74’ sfiora la doppietta con un diagonale, ma Oreste devia in corner. La beffa al 92’ con il pari del Cattolica. E’ da 6.5 la prova del giovane spallino per La Nuova Ferrara: “Sigla il raddoppio nel finale deve sobbarcarsi l’attacco da solo”.

ANDREA LODI, FEDERICO NAVA E NICOLA BERTO (ADRIESE)- Non gioca Nava, problema fisico prima del match. Panchina per Berto nella trasferta contro il fanalino di coda Bonovo Mestrino. La capolista Adriese va sotto, poi chiude con l’1-2. Gioca finalmente da titolare, terzino destro, Andrea Lodi, ex capitano della Berretti nella stagione di Pedriali e Pregnolato. Settanta minuti, con un giallo, ma finalmente una partita da titolare.

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0