Losi e Rush uniche note positive di una serata da dimenticare, male Ibarra e Bucci

La brutta prova di squadra della Bondi si rispecchia anche nelle singole valutazioni: Losi e Rush provano a tenere Ferrara sui binari, ma non sono sufficienti. Male Lestini, Ibarra e Bucci.

Losi 7: E’ l’unico a crederci davvero fino alla fine. Si dica quello che vuole su Losi inteso come uomo, ma per quanto riguarda il giocatore non si discute: a lui piace vincere e per arrivare a ciò mette tutto se stesso. Fondamentali i suoi canestri da 3 punti per rientrare in partita nel secondo quarto, ed è sempre lui ad evitare che la sconfitta diventi una strage.

Lestini 5.5: Parte bene con due bombe pesantissime, poi si spegne totalmente in attacco. In difesa rientra ampiamente nella pessima prestazione della squadra, dimenticandosi di Pacher diverse volte e ricevendo in cambio schiacciate decise del lungo di Legnano.

Brkic 6: Rispetto alla partita di Ravenna si è visto un Brkic completamente diverso. A causa degli adattamenti voluti da coach Ferrari per la difesa di Legnano, gli spazi si chiudono all’interno dell’area costringendo il capitano a giocare solamente pick&pop. Così, non potendo “rollare” e andare a giocare spalle a canestro, si apre solamente per tiri dalla lunghissima distanza, con risultati alterni. Le poche volte che è riuscito ad andare nel cuore dell’area le sua conclusioni si sono rivelate troppo morbide, spesso sputate dal ferro.

Ibarra 5: Serata al tiro non certo brillante per il play argentino, ma almeno riesce a smistare qualche buon pallone per i compagni. In difesa si addormenta davvero troppe volte consentendo al suo diretto avversario back door e conclusioni facili al ferro in mancanza di aiuti. Ok giocare forte sulle linee di passaggio, ma così tanti tagli presi dietro la schiena diventano deleteri per la squadra.

Bucci 4.5: E’ il vero grande assente della serata, l’ombra del Bucci che ricordavamo. In attacco è protagonista di una prestazione disastrosa con un 28% che da uno come lui non ti aspetteresti mai. In difesa vale quanto detto per il collega Ibarra: troppe distrazioni e troppi tiri facili concessi agli avversari. Una serata da dimenticare in fretta.

Henderson 6: Reduce dalla sua prima vera settimana di allenamenti con la squadra, commette qualche ingenuità che ci può stare. Lui ci mette del suo per provare a risollevare i suoi compagni, ma si vede che ancora non è entrato bene nelle rotazioni. Offensivamente anche per lui una prestazione non di certo memorabile, ma qualche segnale positivo lo ha di certo dato.

Rush 7: Il migliore della Bondi insieme a Losi. Se gli arbitri non lo avessero penalizzato così tanto con fischi discutibili, la partita sarebbe stata un pochino diversa, ma con tutti gli errori fatti dalla squadra è inutile recriminare sull’arbitraggio. Erik ha dimostrato ancora una volta di essere un grandissimo difensore nell’1vs1, ostico da battere in palleggio e in attacco è stato sicuramente il migliore dei suoi. Una buonissima prestazione che però scema nella delusione collettiva di aver mancato un’occasione come questa.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0