Si allarga il fronte della contestazione, in 106 si dicono pronti a disertare il palazzo

Rimane alta la tensione tra i vertici della Pallacanestro Ferrara e una parte della tifoseria estense. Nella tarda mattinata di martedì 106 tifosi hanno indirizzato una lettera aperta al presidente Fabio Bulgarelli per annunciare la loro assenza al Pala Hilton Pharma. Di seguito il testo integrale:

Caro Presidente, siamo un gruppo di appassionati e di tifosi della Pallacanestro Ferrara, che frequentano il palasport e seguono la squadra da molti anni. Alla luce degli ultimi avvenimenti, e delle dichiarazioni rilasciate, a seguito dello sciopero annunciato dal gruppo di tifosi della Curva Nord Ferrara, in occasione della partita con Treviso, di sabato prossimo, ci sembra doveroso far conoscere il nostro pensiero in merito, e spiegare una volta per tutte la nostra posizione nei suoi confronti e riguardo alla scelte operate dalla società, da maggio ad oggi.
Se queste rimarranno le condizioni, anche noi non verremo al palasport, abbonati compresi, per esprimere piena solidarietà verso chi è stato attaccato ingiustamente per una sacrosanta e doverosa presa di posizione. La vergognosa scelta di aumentare smodatamente il costo dei biglietti per tre partite, fatto unico nel panorama sportivo italiano, e le successive dichiarazione da lei rilasciate agli organi di stampa, dopo la decisione della Curva, sostanziatesi in affermazioni fuori da ogni logica, quali “Non li considero tifosi, loro non rappresentano nessun spettatore, impedirò in ogni modo che il loro striscione venga appeso, se in futuro avranno atteggiamenti non congrui, verranno lasciati fuori dal palasport”, ci indignano profondamente, in quanto destinate a compromettere qualsiasi tipo di fiducia e relazione fra la società, la squadra ed il pubblico. A questo punto ci chiediamo quale sia la sua opinione e considerazione del tifoso, e di chi con denaro e passione da anni sostiene i colori di questa società, in casa ed in trasferta. Dopo simili affermazioni, e dopo tutti i comportamenti tenuti in questi ultimi mesi, come può pensare di godere ancora della nostra fiducia?! Chiedere, attraverso le parole del Suo direttore sportivo, John Ebeling, come avvenuto lunedì sera nel corso della trasmissione Basket In, di essere presenti numerosi al palasport, a fronte di quanto innanzi detto, crediamo sia del tutto fuori luogo, al limite della presa per i fondelli. Le scelte succedutesi dopo la fine del campionato scorso, spesso precedute da affermazioni che non hanno quasi mai trovato rispondenza nei fatti, ci hanno condotto a questa dolorosa scelta, che fa soffrire prima di tutto noi stessi, che seguiamo da dieci, venti o addirittura trent’anni, la Pallacanestro Ferrara, a prescindere dai presidenti, dai giocatori e dagli allenatori. Le illogiche scelte di questi giorni fanno il paio con una campagna abbonamenti che ha eliminato le riduzioni donne esistenti da sempre, che obbliga un invalido al 90% a dover acquistare il biglietto, e che ha abolito le agevolazioni per famiglie, per cui lo stesso nucleo, composto dai genitori e da due figli, che lo scorso anno spendeva 460 euro, oggi sarebbe costretto a spenderne 840. L’assenza di un progetto lungimirante per questa società e squadra, concretatosi nello smantellamento dell’intero team dello scorso anno, che aveva raggiunto brillantemente gli ottavi di finale di playoff per la A1, nella rinuncia a persone qualificate, e lo scarso rispetto dimostrato verso costoro, sono fonte di grande preoccupazione per il futuro. Noi non siamo contro la squadra, ma contro scelte che stanno rovinando un bene della città.

Firmatari della lettera: Marco Lavezzo, Anna Ferraro, Veronica Canè, Luigi Corticelli, Davide Bertasi, Paola Guzzinati, Stefano Ferro, Luca Battaglia, Claudio Paolessi, Marco Bertieri, Giulia Ortolani, Federica Tosatti, Andrea Mazzoni, Lucia Branchini, Cecilia Balboni, Sara Bonora, Matteo Checchi, Marco Cestari, Roberta Toselli, Roberto Spagnolo, Matteo Bonfatti, Maria Vittoria Toselli, Silvia Pazzi, Alessandro Sbreghi, Laura Roncarati, Federica Valentini, Laura Caldarelli, Agnese Fabbri, Barbara Folegati, Matteo Bellonzi, Marco Bellonzi, Paola Barbieri, Tommaso Costa, Stefania Mariani, Camilla Zanardi, Giò Accetta, Cristina Mangolini, Stefano Vita Finzi, Angela Brigante, Federico Moretti, Andrea Bellonzi, Eleonora Verbiari, Enrico Gotti, Simone Ronchej, Lorenzo Curti, Elisa Tosca, Manu Luce, Riccardo Antolini, Roberta Rimondi, Elena Cirelli, Paola Zanforlin, Roberta Accorsi, Claudio Tavalazzi, Federico Bravi, Raffaele Baraldi, Nicola Cavallini, Gigi Bolognesi, Michele Paparella, Nico De Silva, Savio Boarini, Valerio Aldighieri, Giulia Paparella, Luca Scarpante, Fabrizio Caveduri, Raffaella Parizzi, Laura Bruschi, Laura Barzetti, Alessandra Montanari, Enrica Martinelli, Raffaella Guaraldi, Roberta Caselli, Arianna Ferroni, Matteo Bonfatti, Ilaria Cesari, Rosa Bevilacqua, Caterina Cattani, Laura Bolognesi, Giovanna Bolognesi, Nicola Bonini, Patrizia Siviero, Luigi Ferri, Federica Ferri, Eleonora Migliari, Roberto Botta, Michela Masini, Nicola Masetti, Claudio Bonora, Carlo Rossini, Jacopo Dobori, Antonio Di Cuia, Matteo Bonfatti, Roberto Saletti, Paolina Balboni, Max Schincaglia, Mario Guerra, Alessandra Basaglia, Claudio Tabanelli, Simonetta Bacilieri, Laura Pasini, Daniela Fiorini, Graziano Canazza, Michele Galassi, Ilario Bacilieri, Andrea Maranini, Natalia Pasqualini, Mauro Marchetti.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0