Schiavon ancora costretto ad aspettare: ennesimo slittamento alla prossima settimana

Neanche l’appendice dei lavori del consiglio federale della Figc è stata sufficiente per sbloccare la situazione relativa al tesseramento di Eros Schiavon da parte della SPAL. La Federazione infatti ha scelto ancora una volta di non esprimersi sulla deroga richiesta dal giocatore e da altri suoi colleghi nella medesima situazione (Vacca del Foggia e Pietro Tripoli della Cremonese) per la loro tutela del diritto al lavoro. A sbloccare lo stallo che pare essersi creato in Commissione Tesseramenti potrebbe essere direttamente il presidente federale Carlo Tavecchio, che secondo alcune indiscrezioni intende approfondire la questione anziché controfirmare semplicemente il provvedimento come avviene di solito. La risoluzione dell’analogo caso-Mazzeo, un anno fa, richiese una ventina di giorni. Nel caso di Schiavon la risoluzione di contratto con l’Avellino risale ormai a 28 giorni fa. La SPAL attende novità per l’inizio della prossima settimana. Se questi tempi fossero rispettati, ci sarebbero speranze per un debutto di Schiavon già nella trasferta di Macerata. Altrimenti bisognerà attendere SPAL-Carrarese del 7 novembre.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0