Dirigenti e allenatore applaudono i biancazzurri, Mattioli: Ora testa a Mantova e Maceratese

Dopo i due pareggi a reti bianche la SPAL torna a vincere e lo fa strapazzando con un 4-1 il fanalino di coda Lupa Roma. Si trattava di un testacoda potenzialmente rischioso, come è stato ripetuto diverse volte durante la settimana da mister Semplici, che, al termine della gara di oggi, finalmente è sollevato e orgoglioso del proprio gruppo: “Sono molto contento dei miei ragazzi: non hanno sottovalutato l’avversario e sono scesi in campo con determinazione. Hanno risposto bene alle mie paure e hanno dimostrato i loro valori. Alla vigilia è stata considerata come una partita scontata, ma proprio in questo stava la difficoltà. Abbiamo meritato, disputando la migliore prestazione dal punto di vista dell’espressione del gioco fino ad oggi, e siamo stati grandiosi dal punto di vista morale”.
Oggi è stata la festa degli attaccanti, Zigoni ha ritrovato il gol, Ferri ha segnato la prima rete in Lega Pro, Finotto è stato bravo a sbloccare il risultato e anche un centrocampista, Di Quinzio, ha gonfiato la rete: “Siamo stati molto bravi a sbloccarci in fretta e a non mollare mai, mantenendo sempre la concentrazione. Mi fa molto piacere per i nostri attaccanti e per Di Quinzio. Sia per le reti che per le occasioni create ci siamo dimostrati nettamente superiori ai nostri avversari”. La partita contro la Lupa Roma è stata anche la vetrina per tanti giovani, Ceccaroni, Ferri, Capezzani, Posocco: “Ceccaroni ha sostituito degnamente Silvestri, ha fatto molto bene, ma si era già fatto notare in precampionato. Ho a disposizione una rosa di ottimi giocatori, presto potrò dire di avere venti titolari. Ho tanti giovani su cui fare affidamento e loro sono sicuramente il nostro valore aggiunto. Bisogna procedere con calma e dare loro fiducia e mi auguro che, piano piano, a seconda delle circostanze e delle squadre che andremo ad affrontare, ci sarà l’occasione per ciascuno di loro di venire fuori e sbocciare”. La prossima settimana la Spal è attesa da due appuntamenti ostici: la sfida di Coppa Italia e la partita di sabato con la Maceratese, gara che si preannuncia di tutt’altro livello rispetto a quella contro l’ultima della classe: “Sarà dura ma la SPAL è consapevole dei propri mezzi e sicuramente scenderà in campo con grinta e determinazione, come sempre”.

Abbiamo raccolto anche le impressioni di Simone Colombarini e del presidente Walter Mattioli:

SIMONE COLOMBARINI
“È stata la partita che volevamo vedere, abbiamo giocato molto bene e espresso belle idee. Ci servivano questi tre punti e siamo molto contenti di esserceli guadagnati, ma da lunedì si comincia a pensare ai prossimi impegni, in primis alla Coppa Italia di mercoledì, poi alla prossima di campionato con la Maceratese. Saranno gare difficili, ma abbiamo la fortuna di poter contare su un ottimo organico di venti titolari. Oggi abbiamo visto in campo Ceccaroni, Ferri e Capezzani, e questo significa che il mister è convinto che siano tutti all’altezza. Tutto ciò ci tornerà molto utile per il turnover, quando ci saranno due incontri a settimana. Sono molto contento per Di Quinzio, perché abbiamo bisogno anche dei gol dei mostri centrocampisti, e per Zigoni, visto che, nonostante abbia sempre giocato molto bene, per lui, come per ogni attaccante, l’essenziale è gonfiare la rete”.

WALTER MATTIOLI
“Oggi era una partita molto complicata, era importante la mentalità con cui affrontare gli avversari. La SPAL è stata brava a giocare con umiltà, ci ha fatto divertire e avremmo potuto segnare anche qualche gol in più. Siamo partiti un po’ lenti, siamo sempre un po’ un diesel nei primi minuti di gioco, poi ci siamo sbloccati e abbiamo espresso al meglio il nostro calcio. Questa squadra è sicura dei propri mezzi, ha una propria identità di gioco e lotta sul campo fino alla fine. Sono molto contento per i giovani che si sono visti in campo oggi, per noi sono una risorsa. Ceccaroni in particolare è un giocatore che può essere impiegato tranquillamente in questa categoria. Adesso ci aspetta la Coppa Italia e successivamente la trasferta a Macerata, una prova difficilissima in cui si potranno già delineare le prime posizioni della classifica di questo campionato”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0