In casa SPAL non ci sono dubbi: vittoria fondamentale. Remondina invece mastica amaro

Al termine di SPAL-Carrarese abbiamo raccolto le impressioni a caldo di due protagonisti del match di oggi pomeriggio, il capitano biancazzurro Nicolas Giani e il centrocampista Andrea Beghetto. Oltre a loro in sala stampa abbiamo incontrato anche patron Simone Colombarini e Gian Marco Remondina, tecnico della Carrarese.

ANDREA BEGHETTO
“Abbiamo giocato bene. E’ normale aver perso un po’ dello smalto di inizio campionato, perché ora abbiamo più partite nelle gambe. L’importante è dare sempre il massimo e curare ogni incontro nel minimo dettaglio. Proprio a questo proposito, voglio fare un plauso a tutto lo staff tecnico che prepara nel migliore dei modi ogni singola gara. Quelli di oggi sono tre punti pesantissimi, dopo la sconfitta di Macerata era importante tornare a vincere e ci siamo riusciti. Nel primo tempo abbiamo giocato un calcio migliore, però nel secondo siamo riusciti a concretizzare. È arrivato finalmente un gol da una palla inattiva e dobbiamo continuare a lavorare su queste situazioni per incrementare la nostra forza. In allenamento puntiamo molto su queste palle e sui calci piazzati e oggi sono venuti fuori i frutti del nostro lavoro. Per quanto riguarda la mia prestazione, sono soddisfatto a livello personale e spero di poter disporre in futuro di altre occasioni per dimostrare quello che posso dare a questa SPAL”.
NICOLAS GIANI
“È stata una partita bella da vedere e una vittoria sicuramente meritata. Volevamo tornare a vincere e siamo riusciti a conquistare questi tre punti importantissimi. Abbiamo giocato bene, forse avremmo dovuto sfruttare in altro modo alcune occasioni e gestire meglio dei palloni, in modo da chiuderla in fretta, e invece abbiamo sofferto un po’ verso la fine. Venivamo da una settimana difficile sia per la prima sconfitta stagionale, sia per gli sviluppi della vicenda di Schiavon, ma noi siamo sereni e consapevoli di poter fare un campionato di vertice. Oggi abbiamo dimostrato che la voglia di vincere ce l’abbiamo e dobbiamo continuare a far parlare il campo”.
SIMONE COLOMBARINI
“È stata una bella vittoria, sofferta negli ultimi minuti, soprattutto perché non siamo riusciti a concretizzare le varie occasioni che ci sono capitate. Saremmo già dovuti passare in vantaggio nel primo tempo, invece abbiamo sbagliato tanto e nel secondo abbiamo risentito della fretta di chiudere la partita. La Carrarese ha giocato una buona gara, spesso ha spinto in avanti, ma di occasioni vere e proprie ne ha avute poche. Noi, da parte nostra, dobbiamo migliorare sotto porta, acquisire una maggiore lucidità nell’ultimo passaggio. Oggi era fondamentale fare bottino pieno e dobbiamo fare in modo che la sconfitta di Macerata rimanga solo un episodio”.
GIAN MARCO REMONDINA
“Penso che sia la SPAL che la Carrarese abbiano giocato una buona partita. Noi siamo stati disattenti in occasione del gol di Castagnetti. Siamo stati puniti da questo errore. I biancazzurri hanno avuto diverse occasioni, noi abbiamo fatto la nostra partita e può accadere nel calcio che sia un singolo episodio a decidere per i novanta minuti”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0