La versione di Mora e Cottafava: Partita buttata via con due episodi in dieci minuti

La SPAL è caduta in casa per la prima volta in campionato contro il Pisa. Un primo tempo eccellente ed un altro certamente al di sotto delle aspettative hanno consentito alla squadra di Gattuso di tornare in toscana con il bottino pieno. Luca Mora e Marcello Cottafava, in sala stampa, hanno provato a dare la loro interpretazione della sconfitta.

LUCA MORA
“Finire il primo tempo in vantaggio in una sfida così decisiva e poi perdere 2-1 lascia tanto amaro in bocca. Abbiamo pagato dieci minuti di loro pressione e su un episodio hanno trovato il pareggio, poi su un destro di Varela ha regalato loro i tre punti. Purtroppo non si possono controllare tutti gli eventi di una partita, anche se è indubbio che certi episodi ti condizionano anche a livello psicologico. A bocce ferme posso affermare che due gol presi così danno fastidio, anche se la nostra è una squadra esperta abbiamo subito il contraccolpo. Il Pisa ha giocato una partita aggressiva, inizialmente si era messa bene per noi e solitamente quando segniamo per primi vinciamo. Oggi non è stato così: ora dobbiamo ripartire perché le grandi squadre dopo una sconfitta si compattano e ripartono più forti di prima”.

MARCELLO COTTAFAVA
“Abbiamo dovuto rimontare una partita che in cinque minuti abbiamo buttato via. Nonostante tutto abbiamo lottato e ce l’abbiamo messa tutta, ma probabilmente è emersa un po’ di frenesia per fare gol e magari abbiamo sbagliato qualcosa di troppo. Purtroppo non portiamo a casa nessun punto e per questo siamo molto amareggiati. Sicuramente prendere gol su corner a freddo è stato un brutto colpo e dopo abbiamo avuto dieci minuti di sbandamento nei quali abbiamo preso anche il secondo”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0