Gioventù spallina in prestito: Laquaglia si riscatta contro bomber Pera, incrocio Atzori-Laurenti

Pochi lampi nel weekend dei giovani spallini. Riscatto domenicale per Laquaglia col Mezzolara, vanno ko i giovani all’Adriese nel big match col Caldiero.

SERIE D

MARCO LAQUAGLIA (MEZZOLARA)- Cade assieme ad altri elementi dell’undici titolare nella Caporetto per 5-0 contro la Sammaurese. Mister Bazzani nel recupero contro il Forlì di mercoledì lo lascia in panchina. Ma il Mezzolara ne becca tre dai galletti. Quindi non era certo l’ex capitano della Berretti il problema. Dopo un avvio da difesa blindata, i bolognesi sono diventati perforabili. Il riscatto però è servito con il successo per 1-0 contro l’ambizioso Delta Rovigo. Dalle sue parti si aggira un certo Pera, attaccante che in categoria non ha bisogno di presentazioni. Nel 3-5-2 ritrova la fiducia del tecnico Bazzani come centrale difensivo di destra. Partita con poche sbavature e tre punti che riportano alto il morale nel gruppo.

ALESSIO ATZORI (RAVENNA)- Il Ravenna rende la vita difficile alla terza forza del torneo: l’Altovicentino dell’ex Laurenti (in rete nel momentaneo 1-1, la partita finirà 2-2). Romagnoli avanti due volte. Per mister Mosconi sono sei le partite senza sconfitte anche grazie ad un eurogol di Petrascu (il momentaneo 1-2). Il tecnico affida la maglia numero 2 a Maini, preferendolo ad Atzori che subentra al 28’ della ripresa. Atzori dà una mano ai compagni, ma la sua prova non è giudicabile.

DAVIDE SCARPI (LEGNAGO SALUS)- Il Legnago di mister Orecchia pareggia in casa del Ribelle (1-1). Il tecnico ospite lascia in panchina il giovane attaccante.

GIANMARCO PIERFEDERICI (SAN MARINO)- I Titani vincono di misura in casa del fanalino di coda Clodiense. Decide un gol di Magnanelli dopo quattro minuti della ripresa. Davanti manca il big Olcese. Il tecnico opta per la linea verde. Nel tridente trova spazio dal primo minuto Pierfederici che poi al 13’ della ripresa lascia il posto ad Arrigoni. Per il sito giornalesm.com prova da 6 per l’attaccante.

ALBERTO MILAN E CORRADO CONCAS (TAMAI)- In casa del Calvi Noale, il Tamai riesce a strappare un importante pareggio (0-0). Novanta minuti di sostanza per la mezzala Concas che a sinistra duetta bene con Paladin, viene ammonito nel corso del primo tempo dove fa una buona impressione. Ancora fuori Milan.

GIOVANNI RANIERI (FOLIGNO)- Ormai è il dodicesimo uomo. Ancora panchina per il portiere scuola Inter che assiste a bordo campo alla sconfitta interna del Foligno contro la Sangiovannese (2-3).

ECCELLENZA

FEDERICO MERIGHI (SANT’AGOSTINO)- Il “Mero” riporta le sue prestazioni oltre la sufficienza. I ramarri alzano una diga in casa del Real San Lazzaro e il centrocampista svolge bene sia la fase difensiva che quella offensiva. Viene ammonito. E’ positivo il commento alla sua partita per i colleghi de La Nuova Ferrara: “6.5. Bene a centrocampo, organizzato e preciso. Spende bene il suo giallo per fallo tattico”.

GIOVANNI DE MARTINO (ARGENTANA)- L’Argentana di mister Simeoni pareggia a reti inviolate in trasferta contro il Sasso Marconi (0-0). Non c’è il giovane centrocampista biancazzurro.

ANDREA BALDON (COPPARESE)- La Copparese cede di misura in casa del Meldola (1-0). Il centravanti gioca novanta minuti. Della sua prestazione c’è poco da segnalare. Al 42’ su un cross di Ferrara non arriva alla deviazione sotto misura. Per i colleghi de La Nuova Ferrara la sua prova è da “5,5. Non sfrutta quei pochi palloni giocabili, perde tanti palloni”.

ANDREA LODI, FEDERICO NAVA E NICOLA BERTO (ADRIESE)- C’era attesa per il big match ad Adria tra prima e Caldiero Terme, seconda in classifica. Corsara la formazione veronese che si aggiudica i tre punti (0-1). Dei tre giovani spallini scende in campo solo Federico Nava, scelto da Cavallari come terzino destro. Per La Voce, la prova del laterale è da “5.5 Corre molto e con tanto impegno, più utile in difesa che in attacco dove fa bene la fase preparatoria, spesso sbaglia l’ultimo passaggio”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0