Prosegue il momento no della Berretti, Bassano corsaro in casa dei biancazzurri

Terza sconfitta consecutiva per la Berretti di Max Varricchio, battuta in casa per 2-1 dal Bassano. Con questa sono tre le sconfitte casalinghe in stagione, sempre contro squadra tecnicamente di alto livello, ma il “Villani” sembra essere più facile da violare rispetto all’annata precedente. Una partita decisa ancora una volta dagli errori dei biancazzurri che finiscono sempre per pagare a caro prezzo le disattenzioni commesse.

SPAL con alcune novità rispetto a quanto proposto nelle sfide precedenti. Innanzitutto a livello cromatico, con la divisa biancazzurra utilizzata per la prima volta quest’anno al “Villani”. Le altre, invece, sono l’esordio assoluto in porta per Riccardo Pelati e quello dal primo minuto per Maghini davanti al fianco di Rosetti. Pelati che paga subito carissimo l’emozione del debutto e, dopo appena tre minuti, si fa piegare le mani da una conclusione non irresistibile di Busatta. La SPAL si butta in avanti e al 9′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Maghini è sfortunato nel centrare la traversa con un tiro al volo. Al 14′ ci prova anche Dalla Vedova dalla distanza, ma il suo destro a incrociare finisce a lato. Al 23′ bello spunto di Rigon, con le punte spalline che non trovano la deviazione giusta. Il Bassano esce alla distanza e nei quindici minuti successivi rischia di chiudere la partita più volte. Al 25′ Sciancalepore, uno dei migliori di giornata, si libera sulla destra e mette in mezzo un pallone sul quale Busatta non è abbastanza abile non trovare la porta. Al 38′ ancora Busatta fa tutto da solo, si libera di Ambrosini, ma a tu per tu col portiere calcia malamente. Pelati ancora impegnato al 39′, quando in due tempi si oppone al tiro di Oudahab. Gli errori in zona gol del Bassano tengono il partita la SPAL che prima si rende pericolosa con Farina al 41′ e poi raggiunge il pareggio sull’azione successiva con un bel tiro dal limite di Bevilacqua che si insacca nel sette.

La ripresa regala molte meno emozioni del primo tempo, con la SPAL che cerca di fare la partita e portare a casa i tre punti, mentre il Bassano è un po’ sornione e prova a sfruttare le ripartenze delle sue due punte. Al 51′ bella azione di Farina sulla sinistra, ma ancora una volta Rosetti e Maghini sono in ritardo in mezzo all’area. SPAL che rischia al 59′ quando il solito Busatta vince una serie di rimpalli al limite dell’area prima di concludere debolmente tra le braccia di Pelati. La partita è in sostanziale equilibrio ed è evidente che solo un errore di qualche protagonista in campo potrebbe cambiarne in corso. Errore che arriva al 75′ quando la difesa biancazzurra perde Busatta sul secondo palo su calcio di punizione e la punta veneta tocca il pallone quanto basta per non lasciare scampo a Pelati. È un duro colpo per la SPAL , con mister Varricchio che inserisce Bulevardi passando al 343, ma l’unico sussulto si ha all’83’ con un tiro dal limite che termina fuori di Bevilacqua. Al triplice fischio finale un po’ di tensione tra il pubblico di casa e i giocatori ospiti.

S.P.A.L.-BASSANO 1–2 (1-1)

S.P.A.L. (352): Pelati; Ambrosini, Curci, Sorrentino; Rigon (dal 1′ s.t. Boccafoglia), Dalla Vedova (dal 18′ s.t. Falco), Miotto (dal 36′ s.t. Bulevardi), Bevilacqua, Farina; Maghini, Rosetti. A disp. Bolognesi, Calzolari, Pelacani, Braghiroli, Yevstyunin, Greggio, Karapici, Barbieri All.: M. Varricchio.

BASSANO (3412): Grubizza; Frasson, Scanagatta, Dal Monte; Fracaro (dal 20′ s.t. Parise), Oudahab, Maistrello, Pegoraro; Zarpellon (dal 29′ s.t. Bordignon); Busatta, Sciancalepore (dal 46′ s.t. Alberti). A disp.: Piras, Amal, Mazzon, Farinon, Toso, Azzolin, Lovato. All. M. Parteli.

ARBITRO: Sig. Guidetti di Ferrara (Assistenti Sig.ri Aprea e Buzzi di Ferrara)
MARCATORI: 3′ p.t. Busatta (B), 42′ p.t. Bevilacqua (S), 30′ s.t. Busatta (B).
ESPULSI: al 50′ s.t. Pegoraro (B) per doppia ammonizione.
AMMONITI: Dalla Vedova (S), Dal Monte (B), Farina (S), Ambrosini (S), Boccafoglia (S).
NOTE: pomeriggio soleggiato, terreno in buone condizioni. Spettatori 150 circa. Angoli: 4 a 1. Recupero: pt 1’ st 5’.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0