Il richiamo della SPAL si sente anche fuori dalla provincia: il punto sul progetto Affiliate SPAL

“Sono già sette le squadre affiliate alla SPAL e contiamo di ufficializzarne altrettante nelle prossime settimane”: Ruggero Ludergnani, responsabile tecnico del settore giovanile biancazzurro, fatica a nascondere la propria soddisfazione. Il progetto “Affiliate SPAL”, presentato poco meno di due mesi fa, sta riscuotendo grande successo sia all’interno sia all’esterno del territorio estense.

Ma andiamo con ordine. In cosa consiste il progetto? La società non ha mai fatto mistero di voler puntare sui giovani e in particolare il potenziamento del settore giovanile è sempre stato un obiettivo dichiarato. I primi passi sono stati mossi già nel luglio dello scorso anno con l’istituzione dell’Accademia SPAL (LINK: l’intervista al responsabile Marco Aventi). Il passo successivo compiuto dalla società è stato, appunto, l’affiliazione con le squadre dilettantistiche della zona.

Chi meglio di Ludergnani, promotore di questo progetto, potrebbe illustrarci il reale stato d’avanzamento dell’iniziativa? “Siamo molto soddisfatti, vediamo che c’è grossa curiosità e partecipazione oltre che delle società della nostra provincia, anche di quelle delle zone limitrofe come Rovigo, Ravenna, Mantova e Venezia. Essendo il primo anno ci eravamo prefissati un obiettivo di circa quindici società affiliate e devo dire con soddisfazione che lo abbiamo centrato in pieno. La settimana scorsa sono stato a Napoli per incontrare i dirigenti di una compagine interessata e, notizia di pochi giorni fa, l’affiliazione con un team brasiliano, l’Academica Democrata di Sao Paulo”.

In cosa consiste l’affiliazione? Ancora Ludergnani: “Principalmente in uno scambio di informazioni tecniche senza fini di lucro. Gli allenatori delle società affiliate potranno venire al centro a visionare gli allenamenti, discutere con i nostri mister e di tanto in tanto ricevere le visite a domicilio da parte dei componenti del nostro staff. L’obiettivo è quello di darsi una mano, l’unica cosa che chiediamo è il diritto di prelazione sui bambini più meritevoli. Inoltre, le società affiliate potranno usufruire di sconti sul nostro materiale tecnico e saranno invitate a rotazione al Paolo Mazza per assistere alle partite casalinghe della SPAL”.

Il fatto che anche società fuori provincia abbiano scelto di collaborare con la SPAL ci ha incuriosito e non poco. Abbiamo raggiunto telefonicamente Paolo Pezzini, responsabile tecnico de La Vittoriosa di Occhiobello, che ha spiegato: “L’affiliazione con la SPAL è motivo di orgoglio per noi. Nonostante l’appartenenza ad un’altra regione a separarci da Ferrara c’è soltanto… il ponte sul Po. Questa affiliazione per noi è vista come un prosieguo della collaborazione tra la nostra società e quella di via Copparo in quanto già sette ragazzi del nostro paese militano nel settore giovanile biancazzurro”.

Le società già affiliate con la SPAL al momento sono: Bondeno, Acli San Luca, Crespino, Canaro, La Vittoriosa, Dribbling, Academica Democrata. Firmeranno nelle prossime settimane: Pontecchio Calcio, X Martiri, Rosolina Calcio, Etrusca, Sant’Agostino, Unione Delta Calcio, Migliarino, Comacchio.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0