La difesa del Siena lascia all’asciutto la SPAL: dopo L’Aquila un altro pareggio esterno

Siena-Spal NN261

Il Siena, nonostante il momento negativo, si conferma osso duro per la SPAL: anche il ritorno è finita 0-0 tra le due squadre, anche se a recriminare sono soprattutto i biancazzurri viste le quattro palle-gol create nel corso della partita. L’imprecisione e l’abilità del giovane portiere di casa Montipò hanno però negato un gol da tre punti ai biancazzurri. E’ il secondo pareggio senza reti consecutivo dopo quello de L’Aquila.

I padroni di casa iniziano più intraprendenti di quanto ci si potesse aspettare e nei primi minuti si affacciano in almeno un paio di occasioni dalle parti dell’area spallina, pur senza impensierire Branduani. I tiri dalla distanza di Pellegrini e Fella non fanno paura. La SPAL aspetta i bianconeri e prova a punirli puntando soprattutto alla lentezza dei centrali schierati da Carboni: come al 10′, quando Giani pesca Cellini in profondità e l’attaccante si trova di fronte a Montipò. Solo una spintarella maliziosa di Portanova gli impedisce di calciare. Il 4231 del Siena spesso tende ad allungarsi e questo favorisce i recuperi di palla dei biancazzurri: su uno di questi Schiavon gioca in verticale per Finotto, che a sua volta calcia in corsa all’altezza dei sedici metri. Palla fuori alla sinistra di Montipò. Il giovane attaccante spallino avrebbe la possibilità di rifarsi al 37′, ma trova il portiere sul suo sinistro dall’interno dell’area. Applausi per Cellini, autore di un assist delizioso dopo un dribbling su due avversari. Ai punti meglio la SPAL, ma questo significa poco: all’intervallo il punteggio rimane sullo 0-0.

Per sbloccare il risultato serve qualcosa di più e la SPAL lo sa. Per questo Giani e compagni aumentano l’intensità sul fronte offensivo e già al 6′ avvisano Montipò con una girata di Cellini dal limite dell’area. Il giovane portiere si conferma attento anche quando i biancazzurri ci provano con soluzioni personali, come nel caso dei tiri dalla distanza di Lazzari e Castagnetti. È comunque l’imprecisione il nemico principale della SPAL. L’occasione più clamorosa dell’intera partita capita infatti a Mora, che al 22′ raccoglie una palla persa in area da Cellini (contatto dubbio con Ficagna) e calcia di destro da dieci metri, mancando la porta. Il Siena fatica parecchio a ripartire, con un Cori spesso abbandonato a sé stesso in avanti e neanche l’inserimento del brasiliano Saba cambia granché. Anche se un paio di ripartenze veloci costano alla SPAL due cartellini gialli, di cui uno pesante per il diffidato Ceccaroni. Se c’è una cosa che non manca alla squadra di Semplici è la determinazione e se ne ha dimostrazione nei venti minuti finali, in cui i biancazzurri premono con grandissima insistenza in zona d’attacco, con tutte le soluzioni a disposizione. Zigoni, entrato al posto di un generoso Finotto, quasi diventa l’eroe di giornata deviando un tentativo da fuori area di Schiavon, ma Montipò dice di no ancora una volta. Lo stesso Zigoni potrebbe tentare di ribattere da corta distanza, ma viene ostacolato da un avversario. Per i giocatori della SPAL si tratta di un contatto irregolare, ma l’arbitro scuote la testa. Nel finale Semplici si gioca anche la carta Di Quinzio al posto di Schiavon e un paio di guizzi sembrano poter aiutare la SPAL a scardinare il bunker alzato dai padroni di casa, ma non è così. La resistenza del Siena arriva fino al 94′, lasciando i biancazzurri con l’amaro in bocca.

Robur Siena-SPAL 0-0

ROBUR SIENA (4231): Montipò; Pellegrini (dal 35′ s.t. Celiento), Ficagna, Portanova, Masullo; La Vista, Opiela; Yamga, Fella, Cedric (dal 7′ s.t. Saba); Cori (dal 35′ s.t. Mastronunzio). A disp.: Bacci, Rozzi, Paramatti, Boron, Torelli, Minotti, Burrai, De Feo, Beye. All.: Carboni.

SPAL (352): Branduani; Gasparetto, Giani, Ceccaroni; Lazzari, Schiavon (dal 35′ s.t. Di Quinzio), Castagnetti, Grassi, Mora; Cellini, Finotto (dal 22′ s.t. Zigoni). A disp.: Contini, Beghetto, Bellemo, De Vitis, Ferri, Gentile, Posocco, Silvestri, Spighi. All.: Semplici.

Arbitro: Sig. Morreale di Roma1 (ass.ti: Loni e Dessena).
Ammoniti: Castagnetti (Sp), Cedric (Si), Ceccaroni (Sp), Fella (Si).
Note: giornata grigia e piovosa, campo in discrete condizioni. Angoli: 2-6. Recuperi 0′ p.t., 4′ s.t.

per la foto si ringrazia Nicola Natili di Siena Club Fedelissimi

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0