Delusi, ma decisi a voltare pagina. Semplici: Ora possiamo puntare tutto sul campionato

Al termine della partita di Coppa Italia tra Cittadella e SPAL abbiamo raccolto le opinioni del tecnico biancazzurro Leonardo Semplici, oltre che di Tommaso Silvestri e Federico Gentile.

LEONARDO SEMPLICI
“I ragazzi hanno fatto una bella gara, ce l’hanno messa tutta, contro un ottimo avversario. Peccato perché comunque la squadra ha fatto il massimo per portare la finale a Ferrara. Siamo orgogliosi del cammino fatto e di tutti i ragazzi che hanno interpretato al meglio la Coppa Italia quando impiegati. Credo però che per l’economia dell’andata e per il finale di stagione che ci aspetta, non dico che è stato meglio uscire, ma dico che sarebbe stato un bel pensiero magari andare a Foggia a pochi giorni dalla sfida col Pisa. Adesso ci aspettano nove finalissime, a partire da domenica dove incontreremo una squadra molto forte, che concede poco e che già all’andata ci aveva battuto. Ci proveremo fino alla fine con l’aiuto del nostro pubblico che mi auguro accorrerà numeroso”.

TOMMASO SILVESTRI
“Ci abbiamo provato, c’è un po’ di rammarico perché per il secondo anno consecutivo siamo arrivati a un passo dalla finale. Ora chiudiamo questa parentesi della Coppa e pensiamo al campionato per arrivare al nostro obiettivo finale. Riguardo la gara di oggi credo che entrambe le formazioni siano state brave e vogliose di passare questo turno. Credo che la qualificazione sia stata compromessa, come lo scorso, anno all’andata. Dispiace anche perché andarsi a giocare una finale a Foggia sarebbe stata una vetrina importante per tutti quanti. La Maceratese? Abbiamo il dente avvelenato per la gara d’andata e non vediamo l’ora che arrivi domenica”.

FEDERICO GENTILE
“Dispiace perché ce l’abbiamo messa tutta ma non è bastato. È’ stata una gara equilibrata, combattuta, vera, giocata a viso aperto da entrambe le formazioni e penso che tutti si siano divertiti. Nel finale abbiamo avuto diverse occasioni per il 2-2, sarebbe stata bella la finale col Foggia, ma ora pensiamo alla partita di domenica che sarà ‘la partita’. Un big match importante contro una diretta concorrente molto forte. Giochiamo in casa e abbiamo bisogno dei nostri tifosi e sono sicuro che ci daranno una grossa mano”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0