Emozione e soddisfazione per gli ex. Martelossi: Pubblico da pelle d’oca, bella vittoria

Al termine della gara del Pala HiltonPharma tra Bondi Ferrara e Dinamica Generale Mantova, che ha visto gli ospiti imporsi in rimonta, abbiamo raccolto le impressioni dei vincitori. Capo allenatore e vice, due che in terra estense hanno lasciato bei ricordi.

Alberto Martelossi
“Sono contento per il risultato, ovviamente, ma anche per il caloroso abbraccio che mi ha regalato a inizio partita il pubblico ferrarese, da pelle d’oca. Voglio ringraziare anche il presidente, Fabio Bulgarelli, per il premio consegnatomi subito prima della palla a due. È stata un’emozione unica e difficile da descrivere rientrare al Pala HiltonPharma. Sulla partita, secondo me c’è poco da dire, entrambe le squadre hanno fatto vedere sia il loro miglior profilo che il peggiore. Ferrara ci ha schiantato nel primo tempo, mentre noi non siamo riusciti a fare nulla di quello che ci eravamo prefissati. Nella ripresa, trascinati da capitan Ndoja, Gergati, Moraschini e Amici, siamo rientrati prepotentemente in gara. Ringrazio i miei giocatori per aver buttato il cuore oltre l’ostacolo, senza mai darsi per vinti”.

Serravalli
“Innanzitutto ringrazio il presidente Fabio Bulgarelli per l’omaggio a inizio partita, completamente inaspettato quanto, secondo me, non meritato. Mando un abbraccio forte anche al pubblico di Ferrara, che mentre andavo a ritirare premio mi ha accompagnato con cori e applausi. La gara di per sé è stata a due volti, non si può definirla altrimenti. In settimana abbiamo preparato questa trasferta prefissandoci due obiettivi: limitare Brkic da tre punti con una marcatura particolare e non concedere alla Bondi tiri rapidi in transizione. Il piano partita siamo riusciti ad applicarlo solamente in parte, infatti, David da dietro l’arco l’abbiamo eclissato. Ma nel primo tempo loro, invece, ci hanno fatto molto molto male in contropiede con Rush e Udanoh. Alla fine però, trascinati dalla personalità e la classe di Ndoja, l’abbiamo spuntata. Torniamo da un parquet ostico con due punti preziosi per il nostro futuro”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0