Promossi… dai bambini della scuola di Voghiera: biancazzurri travolti dall’entusiasmo

Nell’impegnativa settimana di preparazione al big match con il Pisa, la SPAL ha potuto respirare una bella boccata di aria fresca grazie all’entusiasmo dei bambini della scuola primaria di Voghiera. Una variegata rappresentanza biancazzurra, formata dal patron Simone Colombarini e dalla moglie Elisa, dal team manager Andreini, dall’allenatore dei Pulcini 2005 Marco Aventi, e dai giocatori Cellini, De Vitis, Posocco e Silvestri, ha visitato la scuola, ricevendo un travolgente abbraccio di oltre 200 alunni. Al loro arrivo gli spallini sono stati accolti da un vero e proprio bagno di folla: i piccoli tifosi e tifose, armati di bandierine e addirittura un due aste, hanno accompagnato con un squillante “Forza SPAL” la passerella dei loro beniamini.
IMG_7038
L’evento è stato introdotto dall’assessore di Voghiera Paolo Lupini, che ha dato il benvenuto agli ospiti e alle autorità presenti, tra cui il sindaco Chiara Cavicchi e le forze dell’ordine. Lupini si è rivolto ai piccoli studenti insistendo sul concetto di sacrificio, senza il quale non è possibile raggiungere alcun tipo di traguardo, sia nel mondo del calcio sia in quello scolastico: “Tanti di voi sognano di diventare calciatori. Dovete sapere che i giocatori della SPAL erano bravissimi a scuola, oltre che con il pallone, quindi dovete impegnarvi e dare retta alle vostre maestre”. L’incontro si è poi trasferito all’interno della palestra dove il musicista e comico Andrea Poltronieri, in veste di super tifoso, accessoriato con berretto biancazzurro, ha presentato ad uno ad uno i quattro spallini e ha acceso i bambini con diversi cori e una carrellata di aneddoti calcistici.
IMG_7046
Al termine delle ufficialità, finalmente è arrivato il momento più atteso dai bambini, che, con entusiasmo contagioso, hanno potuto rivolgere le loro domande alla delegazione della SPAL. Ci ha pensato la piccola Angela a rompere il ghiaccio, chiedendo se giocare a pallone è pericoloso, poi tante altre: c’è chi ha chiesto “se le femmine possono giocare a calcio” e chi si è detto curioso sapere qual è la squadra “più antipatica” ai giocatori. Un altro giustamente ha chiesto: “se giocate in undici, come mai siete qui in quattro?”. La disarmante spontaneità degli studenti ha divertito Cellini e compagni che rispondono a tutte le richieste, invitando i piccoli a presenziare al Mazza nei fine settimana, in modo da appassionarsi ancora di più a questo sport. Ci sono stati anche tanti riferimenti concreti al campionato di quest’anno e inevitabilmente il discorso ha toccato Pisa-SPAL , gara che sta caricando di aspettative anche i tifosi più giovani. Quando è stato chiesto loro qual è stata la partita più difficile di questa stagione i ragazzi di Semplici hanno fatto riferimento proprio ai nerazzurri, sempre senza sbottonarsi troppo: “Non esistono gare facili, ma domenica, in modo particolare, ci aspetta un incontro molto importante”.
IMG_7075
Al contatto verbale è seguito quello fisico: i quattro rappresentanti biancazzurri sono stati affettuosamente assaliti dai bambini, che, con la luce negli occhi, hanno aspettato il loro turno per gli autografi su cartoline, fogli, diari, album delle figurine, ma anche sulle braccia e sulle maglie, per la gioia delle loro mamme. Nel clima di festa generale siamo riusciti anche a strappare una dichiarazione a due degli ospiti, Simone Colombarini e Tommaso Silvestri, sull’incombente appuntamento di campionato. Il patron biancazzurro, alla luce del deferimento del Pisa, vuole che la squadra mantenga la concentrazione al massimo e soprattutto non si faccia influenzare da vicende esterne al rettangolo di gioco: “Domenica ci attente una partita importantissima ed è fondamentale affrontare i nostri avversari al massimo della condizione. Non considero definitivamente chiuso il campionato in caso di una vittoria, anche se fare bottino pieno domenica significherebbe distaccarsi notevolmente dalla nostra diretta inseguitrice. Bisogna prestare attenzione anche alla Maceratese, che è subito alle spalle dei toscani”. Il difensore spallino, da parte sua, promette spettacolo ai ferraresi e li incita all’esodo all’ombra della torre pendente: “Il Pisa è un avversario temibile, non solo per quanto riguarda il reparto più avanzato, ma tutta la rosa conta di elementi forti per la categoria. Noi andiamo là per vincere, come ogni domenica. Invito i nostri tifosi ad accompagnarci in massa a Pisa. Noi conosciamo bene la rilevanza di questo match e non ci risparmieremo”.
IMG_7089

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0