Occasioni a raffica per gli Allievi, ma la palla non entra: pari a reti bianche con San Marino

Gli Allievi della SPAL non vanno oltre al pareggio a reti inviolate contro il San Marino. Con i playoff già in saccoccia da una decina di giorni, ci si sarebbe potuti aspettare una flessione da parte dei ragazzi di Rossi e, guardando solamente il risultato, se ne potrebbe anche trovare anche conferma. La realtà però come spesso accade è un altra. Il punticino ottenuto contro il non certo irresistibile San Marino è frutto di una prestazione eccellente da parte degli spallini, che hanno creato almeno una decina di nitide occasioni da gol soprattutto con Ubaldi.

Il pallino del gioco è nei piedi degli estensi fin dalle prime battute di gioco, e già al 3′ Ubaldi si rende pericoloso scattando sul filo del fuorigioco trovando però i pronti guantoni di Bargelli. Che fossero gli spallini a comandare c’era da aspettarselo, per i sammarinesi (penultimo posto in classifica) invece, oltre ad un catenaccio d’altri tempi, davvero poco altro: se si pensa che i ragazzi di Manzaroli non hanno mai tirato in porta, non è difficile capire l’andamento della gara. Nonostante la supremazia tecnica e fisica, per Anostini e compagni è stata una giornata da catalogare tra le meno fortunate: dopo quattro azioni in cui la palla è passata ad un metro dalla linea di porta senza trovare deviazione, anche un legno centrato da Ubaldi ha negato la gioia del vantaggio ai ferraresi.
Nella ripresa lo spartito non cambia ma i ragazzi di Rossi, con la complicità di un po’ di frustrazione a causa delle continue occasioni naufragate, cominciano ad innervosirsi. I risultati però non sono molto dissimili da quelli ottenuti nei primi quaranta minuti, con il solito Ubaldi a provare invano la perforazione vincente. Allo scadere l’occasione che illude tutti: cross al centro per il numero nove spallino, secco colpo di testa, palo centrato in pieno. Niente da fare, la classica partita in cui si sarebbe potuto giocare per ore senza risultati termina consegnando un punto per parte, con buona pace degli spallini.

Al termine dell’incontro abbiamo raccolto le impressioni di mister Rossi: “Non posso che essere contento dei miei ragazzi, dopotutto se in una partita crei dieci palle gol significa che qualcosa di buono l’hai fatto. Quello che deve interessare ad un tecnico è la prestazione generale della propria squadra ed io non posso non sottolineare come la SPAL oggi si sia espressa in termini di gioco e personalità. Ci sono ancora diverse cose da migliorare, ma dopotutto siamo qui per questo”.

SPAL-SAN MARINO 0-0
SPAL: Balboni, Anostini, Nuzzaci, Foschini, Scarparo, Bernardi, Di Domenico (dal 77′ Capelli), Baldazzi (dal 59′ De Angelis), Ubaldi, Soverini, Nyezhentsev (dal 65′ Russo). A disp.: Seri, Alfano, Sarto, Conti. All.: Rossi.
SAN MARINO: Bargelli, Rossi (dal 82′ Cupi), Frisoni, Conti (dal 41′ Selva), Tosi, Fortunati, Gatti (dal 83′ Paolini), Colonna, De Angelis (dal 60′ Ceccaroli), Moretti (dal 60′ Zucchi), Michelotti M. (dal 60′ Michelotti R.). A disp.: Veronesi. All.: Manzaroli.

ARBITRO: Palma di Bologna (Assistenti: Aprea e Pavaci).
AMMONITI: Selva (SM).

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0