Il Kaos di Fernandez all’esame Asti. Battere la capolista per scalare posizioni play-off

Fernandez allenamento

Penultima gara di stagione regolare del campionato di Serie a di calcio a 5. In chiave play-off tutto oramai e` gia` deciso: in sette hanno staccato il biglietto per la post-season, Luparense e Latina si giocano l’ottavo posto a disposizione. Il Kaos Futsal, nell’ultima apparizione casalinga della prima fase, ospita la capolista Asti al PalaHiltonPharma di Ferrara; calcio d’inizio martedì alle 20,00, cosi` come su tutti gli altri palasport della penisola per garantire la massima contemporaneità. Sfida affascinante, come sempre del resto. Ennesimo faccia a faccia (l’ultimo ha visto trionfare gli orange ai rigori nelle semifinali di Final Eight di Coppa Italia) tra due delle società piu` ambiziose in Italia, un match che ai piu` fantasiosi puo` rievocare uno scontro di boxe fra due pesi massimi. All’angolo destro, gli estensi, aritmeticamente qualificati alla corsa scudetto dopo il pareggio ottenuto al PalaRoma di Montesilvano contro l’Acqua&Sapone (4-4) sabato scorso, reduci da sette risultati utili consecutivi e alla ricerca di un buon piazzamento in classifica. In quell’altro c’è, invece, la squadra più in forma del momento. I piemontesi (miglior attacco e seconda miglior difesa del torneo) hanno sempre vinto nel girone di ritorno, 10 su 10 e dopo un’inizio di campionato stentato, ora sono letteralmente inarrestabili.

Il 3-3 maturato al PalaSanQuirico di Asti all’andata e` stato l’ultimo mezzo passo falso della squadra di Cafu`. Il Kaos, quindi, è stata l’ultima formazione a non aver perso contro piemontesi in campionato; da allora tutti si sono dovuti arrendere all’Orange Futsal. A fine novembre dell’anno scorso, i ferraresi iniziarono male, anzi, malissimo. Ma nonostante il passivo di tre reti (Crema, Zanella e De Luca a segno per i padroni di casa) trovarono la forza di rimontare nella ripresa con i gol di Kakà, Duio e capitan Pedotti.

PedottiIl nuovo mister, Julio Fernandez, non sta nella pelle ed e` pronto a fare il suo esordio davanti al pubblico ferrarese. “Quanto e` bello poter tornare sul parquet a cosi` breve distanza dall’ultimo match – racconta il tecnico spagnolo nella consueta intervista della vigilia -. Mi piace questo gruppo, voglio rivedere i ragazzi in campo. Affrontiamo Asti senza ansie, preoccupazioni e alcun tipo di timore reverenziale. Non abbiamo nulla da perdere, siamo gia` qualificati ai play-off. Gli orange sono una squadra di campioni, costruita per vincere. La pressione e` tutta sulle loro spalle”.

Il punto conquistato in abruzzo nell’ultima partita contro la squadra di Bellarte e` valso l’aritmetica qualificazione ai play-off tricolore. Il Kaos ora è settimo (quota 30 punti) a pari merito con Montesilvano e Carlisport Cogianco, che pero` ha gia` finito la sua stagione regolare e riposerà nelle ultime due giornate. L’allenatore galiziano e` contento a meta`: “Abbiamo giocato bene nella prima parte di gara, mentre nella seconda non siamo riusciti ad uscire facilmente dalla pressione dell’A&S perchè ci sono mancate un po’ le gambe”. “Ma ho visto un gruppo – continua Fernandez, lasciando trapelare ottimismo dalle sue parole – unito. Siamo andati in sofferenza, sbagliando anche parecchio, senza pero` uscire completamente dal match. Chi era in panchina si alzava in continuazione per animare i compagni, questo e` il genere di cose che voglio vedere: attaccamento alla maglia”.

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0