Una prevendita piena di colpi di scena: promozione Porta un Amico attiva solo da mercoledì

Diciamo che si sono viste prevendite organizzate meglio. Il riferimento è ovviamente a quella di Ancona-SPAL, che nello spazio poco più di 24 ore ha riservato almeno un paio di colpi di scena. Il primo: la comunicazione, nel tardo pomeriggio di martedì, dell’introduzione di alcune agevolazioni di prezzo per donne, bambini e over 65 collocati nel settore ospiti. Novità che ha fatto imbestialire decine di tifosi – potenziali beneficiari di queste agevolazioni – che già avevano acquistato il biglietto a prezzo intero. L’ondata di reclami, sia presso l’Ancona, sia presso la rivendita a Ferrara, sia al servizio clienti di Bookingshow di fatto non ha sortito alcun effetto.

Secondo colpo di scena, ancora più assurdo: nel pomeriggio di mercoledì da Ancona è arrivato il via libera per l’applicazione della promozione “Porta un amico”, dopo il beneplacito delle autorità. Inizialmente infatti la promozione non era stata attivata, provocando un certo sconcerto visto il solido gemellaggio che lega le due tifoserie. Ora, con una larga parte dei biglietti di settore ospiti già venduta (pare si sia arrivati vicini agli 800 su 1000 a disposizione), molti tifosi sprovvisti di tessera del tifoso rischiano di rimanere a casa, a meno di non trovare un altro amico su cui fare affidamento. Per rimediare parzialmente a questa situazione, l’Ancona ha specificato che nel caso venissero esauriti i biglietti per il settore ospiti, i tifosi della SPAL potranno acquistare i biglietti per i settori di gradinata e tribuna.

0