Per settanta minuti è la partita delle difese: Giani ancora impeccabile, poi irrompe Finotto

giani

Nella prestazione spallina di Teramo è sicuramente da elogiare la serietà del gruppo, perché i ragazzi di mister Semplici non hanno affrontato la partita di oggi come la classica gita del primo maggio, nonostante la classifica fosse già consolidata. Altra qualità determinante si è rivelata essere il cinismo, perché i due gol sono nati praticamente sugli unici due tiri in porta dei biancazzurri. Pochi elementi sono riusciti a distinguersi in una partita del genere, mentre non sarebbe corretto definire flop chi ha trovato più difficoltà rispetto agli altri.

IN EVIDENZA

FINOTTO
Fino al 70′, per la verità, non era sicuramente in cima a questa lista. Vero che i suoi compagni non è che avessero fatto molto per mettere in luce le sue qualità, ma anche lui sembrava essere in una giornata sottotono. Nel giro di tre minuti, però, colpisce sulle uniche due occasioni che gli capitano, mostrando un cinismo invidiabile e raggiungendo Zigoni a quota undici in classifica marcatori.

GIANI
Il capitano quest’anno non tradisce mai e, seppure in una partita con ritmi da amichevole del giovedì, lui in fase difensiva non sbaglia un intervento, facendosi sempre trovare al posto giusto. Rappresenta una della sorprese più piacevoli dell’attuale stagione.

BEGHETTO
Meno impetuoso del solito sulla sinistra, ma il suo apporto in fase di spinta non manca mai. Riesce sempre a crossare, in qualsiasi zona del campo si trovi e in un’occasione trova anche una conclusione dalla distanza respinta. In fase difensiva non viene sollecitato più di tanto.

FLOP

NESSUNO
I bassi ritmi non aiutano a mettersi in mostra: forse era lecito aspettarsi qualcosa in più da Posocco, Gentile e Grassi, ma visto il valore della partita importa davvero poco.

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0