Con la consegna della Supercoppa al Mazza va ufficialmente in archivio la stagione 2015-2016

Festeggiare la conquista della Supercoppa a Cittadella sarebbe stato l’ideale, ma anche festeggiarla dentro al Paolo Mazza non è stato poi così male. Peccato che ad assistere ci sia stato solo un centinaio di spettatori, ossia i pochi fortunati non al lavoro alle 17, orario della cerimonia organizzata dalla SPAL con la Lega Pro. Sono stati i vicepresidenti Alessandra Borgonovo e Mauro Grimaldi a consegnare nelle mani del capitano Giani il trofeo, conquistato meritatamente con le due vittorie prima con il Benevento e poi con il Cittadella.

Nonostante un clima decisamente più soft e meno euforico, i biancazzurri hanno potuto comunque festeggiare questo ulteriore successo, congedandosi così nel migliore dei modi dai loro sostenitori. Acclamati dai bambini della scuola elementare di Voghiera e dai giovani atleti dell’Accademia SPAL, i giocatori della prima squadra sono stati premiati singolarmente con una medaglia e poi, in gruppo, hanno fatto l’ultima passerella dell’anno tra gli applausi di tutto lo stadio. Dopo le foto di rito, si è svolto l’ultimo allenamento stagionale, assieme alle giovani promesse dell’Accademia. Quindi il rompete le righe ufficiale: le attività della prima squadra inizieranno con tutta probabilità nella prima metà di luglio.

IMG_7601

“Con questa iniziativa – ha detto Walter Mattioli – la Lega Pro ha rimediato al… disguido, chiamiamolo così, di domenica scorsa a Cittadella. Era giusto consegnarla oggi, anche se ovviamente c’è stata qualche polemica da parte di chi avrebbe voluto assistere alla premiazione al Tombolato. Gravina? Da quanto so non è potuto intervenire per via di un impegno preso in precedenza. Comunque hanno mandato i due vicepresidenti e direi che va bene così”. In assenza del presidente Gravina, è intervenuta la vice Alessandra Borgonovo: “E’ stata la prima premiazione a cui ho assistito nel mio nuovo ruolo e l’ho apprezzata particolarmente proprio per questa cornice un po’ diversa dal solito, con i bambini che hanno fatto un tifo da far invidia a un’intera tifoseria. E’ stata una bella giornata e non posso che fare i complimenti alla SPAL per l’ottimo risultato”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0