Il Kaos U21 stende la Cogianco nella finale d’andata. Calzolari e Andrejic all’unisono: Ora l’ultimo sforzo!

Calzolari esulta

Al termine della finale di andata dei play-off scudetto Under 21 che ha visto imporsi i padroni di casa del Kaos Futsal sulla Carlisport Cogianco per 6-3, abbiamo raccolto le impressioni dei protagonisti: il patron estense, Marco Calzolari, e il mister, Vezza Andrejic.

Marco Calzolari
“Il primo ostacolo lo abbiamo superato con successo, vittoria meritata. Il risultato finale rispecchia a pieno quello che si è visto sul parquet, anzi, forse ci va un tantino stretto. Ma va bene così, non mi lamento. I ragazzi hanno messo al tappeto i campioni in carica. Nulla, comunque, è già scritto: questa finale è ancora apertissima, perché la Cogianco è una signora squadra, fisica e ricca di talento. Oggi (domenica; ndr) grandissima prova di Timm, che ci ha salvato in diverse corcostanze nel finale, e di Lucas, che è tornato prepotentemente a trovare la via del gol dopo una partita a secco. Ma francamente penso che sia stata una grandissima prova del gruppo. In questi play-off il Kaos ha dimostrato di non essere dipendente da nessun giocatore in particolare, tutti bene o male almeno una volta sono andati a segno. Sono contento che Guilherme abbia recuperato al 100% dall’infortunio perché è un giocatore fondamentale per l’equilibrio di questa formazione, sin da inizio stagione ha dimostrato di essere il più maturo. Tutto il gruppo è cresciuto con il passare dei mesi. L’esempio lampante è Salas, tutto un altro tipo di giocatore rispetto agli albori del campionato. Ora si è completato: talento e strapotere fisico totalmente al servizio della squadra, devastante. Ad Ariccia ci aspetta una battaglia, la Cogianco venderà cara la pelle. Ci sarà da soffrire, lo sappiamo già in partenza, ma non abbiamo paura. Speriamo di concludere questa annata trionfale a livello giovanile mettendo la ciliegina sulla torta”.

Velimir Andrejic
“Vincendo ci siamo guadagnati un piccolo vantaggio ma guai andare in casa della Cogianco, campione d’Italia in carica, pensando solo a difendere questo tesoretto di 3 gol, sarebbe come firmare una condanna a morte. Dovremo continuare ad essere aggressivi, anche se non sarà per nulla facile. Loro sono forti e sul loro campo, sospinti dai propri tifosi, cercheranno in tutti i modi di ribaltare il risultato. Potevamo fare qualche gol in più è vero, ma dobbiamo anche dire grazie ad un superbo Timm che ha parato di tutto. Voglio fare i complimenti ai ragazzi, dal primo all’ultimo perché hanno dimostrato di essere maturati e di aver acquisito una incredibile forza mentale. Dalla semifinale persa in Coppa Italia con Aosta hanno letteralmente cambiato pelle: ora gestiscono le gare senza tracolli emotivi, quasi come fossero giocatori navigati ed esperti. Per questo non sono per nulla preoccupato del fatto che ad Ariccia possano soffrire la pressione, questo è un grande gruppo, forte e compatto a cui di certo non manca personalità e voglia di vincere. In settimana lavoreremo per migliore qualche cosa sia in difesa che in fase di possesso, poi andremo a giocarci questa finale di ritorno senza paura cercando di costruirci le nostre occasioni. Proviamo a conquistare una doppietta storica tra Juniores e Under 21, che sarebbe il giusto premio per una squadra fantastica”.

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0