Da Genova sponda Sampdoria potrebbe arrivare Lulic: SPAL in prima fila per il prestito

Che Davide Vagnati conservi affetti significativi a Genova, sua città natale, è un dato di fatto e non sorprende che il ds spallino tenga sempre d’occhio le opportunità di mercato provenienti sia sul fronte Sampdoria (di cui è tifoso ed ex) sia sul fronte Genoa. In questo senso arrivano conferme sull’interessamento per Karlo Lulic, centrocampista croato classe 1996 di proprietà dei blucerchiati. Il giocatore, su cui la società del presidente Ferrero ha puntato molto nel 2014, è reduce da una stagione un po’ infelice in prestito al Bohemians, squadra della serie A ceca con cui ha collezionato appena 8 apparizioni nell’arco di nove mesi.

Ora la Sampdoria è alla ricerca di una nuova sistemazione e la SPAL si è fatta avanti. Nonostante il Bohemians abbia chiesto di rinnovare – anche con una certa sollecitudine – il prestito del giocatore, in casa blucerchiata si prende tempo per dirottare Lulic verso una squadra in grado di garantirgli la continuità che finora gli è mancata. Le perplessità del giocatore per una seconda esperienza a Praga sembrano deporre a favore di una destinazione italiana che potrebbe essere Ferrara. Vagnati però deve fare i conti con la concorrenza, tra cui quella del Cittadella (come riferito da SampNews24). La SPAL al momento sembra essere in prima fila, tanto che un accordo di massima con l’agente di Lulic ci sarebbe già e servirebbe solo il via libera da parte della Sampdoria. E’ possibile che verso la fine della settimana possa già esserci qualche passo avanti.

Lulic è un centrocampista di notevole stazza (è alto 186 cm) dotato di un buon passo. Fa della versatilità la sua qualità principale, essendo in grado di giocare sia da mezzala sia da trequartista. Durante il suo periodo nella Primavera della Sampdoria è stato anche impiegato occasionalmente come attaccante esterno.


Video consigliato a chi ama le clip di highlights con sottofondo di musica tamarra

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0