Un altro signor Rossi per la SPAL? Il candidato numero uno per la Primavera è l’ex Forlì

Mentre un Rossi (Matteo) si appresta a giocarsi le finali nazionali con la squadra Allievi della SPAL, la società si appresta a inserirne un altro in organico: sembra infatti che il cesenate Roberto Rossi possa diventare il prossimo allenatore della squadra Primavera che verrà allestita per la stagione 2016-2017. Il nome di Rossi, 54 anni, circolava da tempo e negli ultimi due giorni è diventato il più accreditato per la principale panchina del settore giovanile. Il tecnico romagnolo è reduce da una salvezza tranquilla conquistata nel girone D di serie D con il Romagna Centro, formazione con base a Martorano, appena fuori Cesena.

Da giocatore Rossi ha vissuto esperienze significative a Fano (dal 1983 al 1988) ed a Venezia (dal 1990 al 1995) nei primi anni di gestione Zamparini. Dopo aver chiuso la sua carriera da giocatore a Forlì nel 1997, ha iniziato a collaborare con Alberto Zaccheroni alla Lazio e all’Inter, prima di mettersi in proprio con diverse formazioni romagnole: Riccione, Forlì, Verucchio e Santarcangelo. Nel 2011 ha portato alla salvezza la Valenzana in Seconda Divisione, mentre nel 2014 ha centrato una rocambolesca promozione in Lega Pro unica con il Forlì, battendo il Delta Porto Tolle nei playout. La sua avventura con i biancorossi è terminata nel dicembre 2014 dopo un inizio di stagione un po’ stentato.

Nonostante non abbia mai allenato formazioni giovanili, viene descritto come un tecnico abituato a lavorare con giocatori giovani ed abile a trarne il meglio. Per una formazione che dovrà coniugare crescita e rendimento, potrebbe essere l’uomo giusto. Predilige il 352 come modulo di riferimento, lo stesso che Semplici applica per la prima squadra.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0