Un anno e mezzo di corteggiamento può bastare: Cesarini può essere il primo colpo dell’estate

In attesa della “punta di categoria” (cit. Vagnati), la SPAL sta facendo passi avanti parecchio incoraggianti per Alessandro Cesarini, attaccante del Pavia già corteggiato nella scorsa stagione. Cesarini, ventisette anni domenica prossima, ha altri due anni di contratto con il club del presidente cinese Zhu, ma la situazione critica a livello societario potrebbe portarlo a una rescissione.

Il procuratore Maurizio Barcellandi per ora predica prudenza (“Al momento una trattativa vera e propria non c’è”), ma ammette: “Quello della SPAL è un interessamento che ci fa piacere, perché Ferrara è una piazza importante, con una società solida e un bravo allenatore. Ma prima di tutto bisogna capire cosa succederà a Pavia, perché al momento la situazione è confusa. Aspettiamo di vedere cosa succederà nel corso dei prossimi dieci giorni”.

Cesarini, 70 presenze e 26 gol nelle ultime due stagioni col Pavia, non sta attirando solo le attenzioni della SPAL. Di recente si è parlato anche di proposte provenienti da Parma e Cremonese, ma è lecito pensare che la serie B possa rappresentare quel genere di incentivo in più che potrebbe risultare determinante. A maggior ragione perché si tratta di una categoria mai assaggiata dal giocatore, nonostante un talento notevole. Cesarini ha infatti alle spalle tanta serie D con la Sarzanese (75 presenze e 21 gol in quattro stagioni) e tanta Lega Pro con le maglie di Spezia, Viareggio, Sorrento, Prato e Savona. Tecnica e versatilità sono le sue qualità migliori, tanto da meritarsi il soprannome di “Mago”. Predilige la posizione di seconda punta, ma può adattarsi facilmente da trequartista. Un saggio delle sue capacità è riassunto nel gol segnato la scorsa stagione contro la Cremonese, votato come il migliore dell’annata 2014-2015 dagli utenti di Sportube.tv

Insomma si tratta di quel genere di situazione in cui è solamente richiesta un po’ di pazienza. Ma se dovessimo scommettere un euro sulla presenza di Cesarini al raduno precampionato della SPAL, lo spenderemmo volentieri.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0