Avanti fino al 2018 anche con Gasparetto. Il punto della situazione dei contratti in casa SPAL

Mentre si attendono nomi nuovi, alla SPAL prosegue il giro dei rinnovi. Questa settimana è stato il turno di Daniele Gasparetto, che ha prolungato di un anno il suo accordo con la società, estendendolo fino al 30 giugno 2018. “Era quello che desideravo dopo una stagione fantastica, – ha detto il difensore a margine della firma – ora ci dobbiamo concentrare sulla prossima perché si annuncia tosta. La B un campionato lungo e complicato, dovremo partire carichi e determinati. Ma sono sicuro ci faremo trovare pronti”.

Vale la pena fare il punto sulle situazioni di contratto in casa SPAL.

Contratti in scadenza a giugno 2016
Gentile, Spighi.

Il rinnovo appare ormai improbabile per entrambi, anche se per il centrocampista romagnolo sembra esserci qualche piccola speranza.

Contratti in scadenza a giugno 2017
Branduani, Giani*, Silvestri, Beghetto, Bellemo, Di Quinzio, Capezzani, Posocco, Grassi, Cellini.

Ci sono situazioni diverse tra loro. Branduani, Di Quinzio, Grassi e Cellini non sembrano esattamente al centro del progetto tecnico per la prossima stagione e potrebbero anche partire in presenza di offerte convincenti. Giani ha appena rinnovato e ha un’opzione per un’estensione fino al 2018, Silvestri probabilmente discuterà il rinnovo più avanti. Da valutare le posizioni di Beghetto, Bellemo, Capezzani e Posocco, giocatori appetibili in Lega Pro con la formula del prestito.

Contratti in scadenza a giugno 2018
Gasparetto, Mora*, Castagnetti*, Schiavon.

Le scadenze parlano chiaro: si tratta di punti fermi. Mora ha un’opzione fino al 2020, Castagnetti per un’ulteriore stagione.

Contratti in scadenza a giugno 2019
Lazzari, Finotto.

Stesso discorso fatto sopra: chi volesse prelevarli dalla SPAL dovrà sborsare cifre consistenti.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0