Arriva Cipollini come direttore generale? Mattioli smentisce: Al momento restiamo così

No, Renato Cipollini non è stato ingaggiato dalla SPAL come nuovo direttore generale. Almeno per il momento. La smentita alla notizia lanciata lunedì sera da GazzaMercato (emanazione de La Gazzetta dello Sport) arriva direttamente dal presidente biancazzurro Walter Mattioli: “Ho letto anch’io di questa cosa, ma non corrisponde alla verità. Con Renato sono in buonissimi rapporti, ma già da tempo la famiglia Colombarini ha ribadito la volontà di lasciare a me le mansioni del direttore generale. E questo tipo di innesto in dirigenza viene deciso direttamente da Francesco e Simone, vista l’importanza del ruolo. Per quanto ne so la questione non è all’ordine del giorno, almeno in questo momento”.

Porta solo socchiusa quindi? “Se le circostanze lo richiederanno, anche sulla base delle indicazioni della Lega di B, ci doteremo anche di questa figura, ma per il momento non credo ci sia la necessità. In caso diverso la candidatura di Cipollini sarebbe valida, perché è un grande professionista che vive a Ferrara e che considero un amico”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0