Fiducia nel coach e armonia ritrovata con i tifosi, è un Bulgarelli ottimista per il futuro

Non c’è solo il mercato a tenere banco in casa Pallacanestro Ferrara: nella conferenza stampa di giovedì pomeriggio al Pala HiltonPharma è intervenuto anche il presidente Fabio Bulgarelli per fare il punto della situazione sugli altri fronti che lo vedono impegnato quotidianamente.

“E’ bello rivedervi tutti qui in quella che a tutti gli effetti possiamo considerare come la prima conferenza stampa della stagione. Il 17 agosto in fin dei conti è più vicino di quanto si possa immaginare e siamo veramente prossimi a cominciare. Questo lungo periodo d’attesa, sono sincero, spero finisca quanto prima: sono molto carico e non nascondo che mi manca l’atmosfera del campo”.

Ma Bulgarelli sa bene che la sua squadra è attesa da un campionato tutt’altro che facile: “Come avete tutti avuto modo di notare, in questa sessione estiva di mercato le altre società del nostro stesso girone stanno investendo molto, si stanno rinforzando anche le squadre che ai nastri di partenza venivano considerate compagini di seconda se non addirittura di terza fascia. Il campionato che ci aspetta quindi sarà molto tosto. Con umiltà noi puntiamo ad una salvezza tranquilla, ma lo spettacolo che verrà offerto sarà di livello maggiore rispetto a quello dello scorso anno, ne sono sicuro. Io, in quanto rappresentante della società, spero di riuscire a fornire allo staff tecnico una squadra lunga e competitiva per poter affrontare in modo dignitoso la prossima stagione. I giocatori che sono arrivati? Abbiamo dato fiducia a Tony, la squadra sulla carta è molto più giovane e più dinamica. La scelta di tanti giocatori che abbiamo messo sotto contratto è stata condivisa da parte nostra. Ufficialmente Losi non l’abbiamo ancora transato, ma se il giocatore vorrà restare sarà da considerarsi fuori rosa. Non rientra nei nostri piani e non è riuscito a fare breccia nel cuore dei tifosi. La scelta ovviamente è stata decisa da tutti noi. Come cambio del playmaker abbiamo invece deciso di puntare su Ibarra”.

Poi il presidente spende qualche parola per riassumere cosa bolle in pentola sul fronte societario: “A livello di sponsorizzazione stiamo trattando con una banca: se tutto dovesse andare in porto sarebbe una gran bella cosa e senza alcun dubbio ci farebbe molto piacere. Ci stiamo preparando anche alla campagna abbonamenti e per cercare di venire incontro alle esigenze dei nostri tifosi ascoltiamo le loro opinioni cercando, ove è possibile, di confrontarci continuamente per trovare una formula che accontenti tutti. Sentiamo che si è ritrovato l’entusiasmo necessario anche attorno alla società. Per questo abbiamo pensato di abbassare i prezzi degli abbonamenti in curva: acquistarne uno sarà decisamente più vantaggioso rispetto all’anno passato. Ma la simbiosi con i ragazzi della curva non finisce qui: saranno infatti i membri della Curva Nord a gestire il settore del marketing societario con la vendita di t-shirt, felpe e gadget vari. Infine, stiamo valutando con la gestione comunale di poter fare alcuni investimenti sul nostro palasport. Vorremmo intervenire per renderlo migliore e più confortevole”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0