Tempo di bilanci parziali per i mister. Semplici: Vedo un bel gruppo; Rossi: Buoni presupposti

Con un campo ai limiti del praticabile e tanto duro lavoro ad appesantire le gambe dei giocatori, gli allenatori di SPAL e SPAL Primavera non possono trarre grandi indicazioni dall’amichevole che ha chiuso il ritiro estivo.

Mister Semplici ha definito la partita “un buon test per concludere al meglio il ritiro” e ha tracciato un bilancio delle prime due settimane di lavoro: “La cosa positiva è che abbiamo lavorato bene e stiamo recuperando i giocatori che avevano avuto qualche problemino. Ci ripresenteremo martedì con i nuovi arrivi (Meret, Pontisso, Ghiglione e Cerri – ndr) per fare al meglio i venti giorni che abbiamo davanti”. Il tecnico fiorentino ha speso un paio di parole anche per Eklu Shaka Mawuli, centrocampista ghanese classe 1998 che anche oggi ha mostrato giocate molto interessante: “E’ andato bene, sta crescendo e sta imparando. È il primo anno che fa a certi livelli e servirà un po’ di pazienza. Sarà compito di mister Rossi dargli i giusti insegnamenti”. Sul mercato Semplici ha dribblato ogni domanda col sorriso (“Io alleno, gli acquisti spettano ad altri”), mentre si è concesso una battuta sui prossimi impegni: “L’amichevole di mercoledì a Perugia sarà il primo confronto importante del precampionato, un esame che valuteremo bene. Non credo che i ragazzi aggregati da martedì potranno esordire, se non per qualche minuto a partita in corso. Nel complesso sono comunque fiducioso, perché mi pare si stia ricreando un gruppo come quello dell’anno scorso, umile e determinato. Un gruppo in cui anche i nuovi sono entrati con il giusto atteggiamento, mettendosi a disposizione dei compagni”.

La parola è poi passata a mister Roberto Rossi, allenatore della Primavera. Sorridente e rilassato, il tecnico romagnolo ha fatto il punto dopo la prima settimana di allenamenti: “Sono soddisfatto perché i ragazzi hanno sempre lavorato con grande impegno. Abbiamo un gruppo molto giovane che per forza di cose dovrà crescere. La partita di oggi è valsa un po’ come premio dopo diversi giorni di duro allenamento. Sapevamo tutti che sarebbe stata una partita complicata, ma non era certo il risultato a interessarci. Il campo non permetteva di giocare come volevamo, ma ci siamo comunque impegnati nel provare il gioco palla a terra su cui abbiamo iniziato a lavorare. Per il resto ci sta che ai ragazzi manchi ancora qualcosa nelle letture e in altre piccole cose. Ci lavoreremo, consapevoli di dover fare progressi in diversi aspetti”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0