I due mister in sintonia: Risultato che lascia il tempo che trova, l’importante è fare progressi

semplici amichevole carpi

Al termine dell’amichevole tra SPAL e Carpi giocata a Imola, che ha visto prevalere i biancorossi per 3-1, abbiamo raccolto le impressioni a caldo dei due allenatori.

LEONARDO SEMPLICI
“Questa è una delle poche volte che mi sento soddisfatto pur avendo perso: ho intravisto una buona SPAL che per un tempo ha tenuto testa ad una squadra come il Carpi, costruita per raggiungere obiettivi totalmente differenti dai nostri. Loro hanno dimostrato di essere superiori sia a livello tecnico che fisico, ma questo non mi sorprende per nulla perché hanno confermato praticamente tutto lo zoccolo duro che l’anno scorso ha militato in Serie A. Noi abbiamo tenuto bene il campo nel primo tempo, ribattendo colpo su colpo e riuscendo a creare anche delle buone opportunità in zona gol. Ho visto un buon possesso palla, che è quello che voglio. Nel secondo tempo siamo partiti subito con il piede sbagliato: errore in disimpegno e mancata marcatura di Catellani. Indipendentemente da questo, rimango fiducioso perché secondo me la squadra sta crescendo dal punto di vista della personalità. Sono contento anche perché molti dei ragazzi che hanno giocato questa sera non l’avevano mai fatto fra di loro prima d’ora. Una gara come questa, come quella di Perugia, ci serve per crescere. Lavoreremo in settimana per migliorare sotto ogni punto di vista: tecnico, tattico e soprattutto fisico, concentrandoci sugli errori commessi contro queste due avversarie di Serie B. Il fatto che diversi ragazzi questa sera abbiano giocato settanta minuti per la prima volta in stagione mi dà la possibilità di far crescere tutti e di capire dove bisogna andare ad intervenire per far si che la squadra sia pronta ora del 27 agosto. Ci aspetta un campionato bello ed entusiasmante, ma allo stesso tempo difficilissimo. Le prime uscite con squadre di B ci hanno scottato ma non dobbiamo perdere fiducia nella nostra idea di gioco. Con l’organizzazione tattica e il sacrificio cercheremo a sopperire ad eventuali carenze fisiche che potrebbero manifestarsi nel corso della stagione. Vicari? Buon giocatore: forte fisicamente e dotato di buona tecnica, con personalità da vendere. Abbiamo completato a tutti gli effetti il reparto difensivo. Avevamo cercato durante l’estate un altro tipo di giocatore, ma per vari motivi non siamo riusciti a portarlo a Ferrara, peccato. Francesco non è una seconda scelta, abbiamo dovuto concentrarci su un altro tipo di profilo in base anche alle opportunità che il mercato ci offriva. Si contenderà con Giani il ruolo di regista difensivo”.

FABRIZIO CASTORI
“La soddisfazione per il risultato c’è, ma io non do molta importanza a queste partite perché servono solo per acquisire la migliore condizione. Queste amichevoli sono utili soprattutto per prendere convinzione e provare alcune cose fatte in allenamento. Fa sicuramente piacere vincere, ma il risultato va sempre preso con le molle. Personalmente ho avuto riscontri positivi, mi interessava soprattutto vedere i giovani che abbiamo preso. La SPAL? Mi pare non abbia schierato la migliore formazione, perché giustamente in questo periodo un allenatore vuole vedere tutti quanti e portare i giocatori a un certo minutaggio”.

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0