Meno due all’esordio, Semplici cerca risposte già da Benevento: Capiremo subito cosa ci aspetta

A margine dell’evento organizzato da SKY al Castello, abbiamo raccolto le dichiarazioni di mister Leonardo Semplici a due giorni dal fondamentale debutto nella serie cadetta, in programma sabato alle 20.30 allo stadio “Ciro Vigorito” di Benevento. La squadra è pronta, quasi al completo, con il solo Schiavon indisponibile per problemi alla caviglia: “Siamo consapevoli dell’importanza dell’esordio, troveremo una squadra che ha fatto un buon mercato, con una cornice di pubblico importante. Si comincerà a capire subito che tipo di campionato ci aspetta”.

Un campionato lungo e difficile, come si ripete senza sosta da più parti, durante il quale bisognerà avere pazienza, sopportare anche sconfitte a cui negli ultimi anni non si era più abituati. Sarà proprio lì che si vedrà la tenuta di un gruppo in parte nuovo, in parte confermato dalla scorsa stagione, mix di giovani e vecchi e plasmato dal ds Vagnati sempre con in testa il mantra della gestione Colombarini: la creazione di un gruppo unito, una squadra vera e non solo un insieme di singoli. I biancazzurri arrivano all’esordio in B dopo le ultime sconfitte in coppa e in amichevole, che hanno messo in mostra carenze in fase difensiva di cui Semplici è perfettamente cosciente: “Con il Cagliari abbiamo fatto qualche errore di troppo, ma sono fiducioso che sabato arriveremo nelle migliori condizioni. Bisogna lavorare meglio sia a livello di singoli che di reparto, ma è soprattutto una questione di squadra, è tutta la fase difensiva che va fatta meglio, usando anche qualche furbizia”. L’avversario, il Benevento, si è notevolmente rinforzato rispetto alla gara di Supercoppa di Lega Pro, che solo pochi mesi fa ha visto la SPAL dominare in lungo e in largo e battere i campani per 4-1. Sarà una partita completamente diversa, anche su questo Semplici non ha dubbi: “Abbiamo visto che hanno confermato lo zoccolo duro dello scorso anno e hanno fatto un ottimo mercato inserendo giocatori come Chisbah e Ceravolo, quest’ultimo cercato anche da noi”. A guidare gli stregoni c’è il fiorentino Marco Baroni, che Semplici conosce benissimo: “Abitiamo nella stesso paese e nella stessa via, siamo amici di famiglia. Lui poi ha fatto una bella carriera, ha giocato anche a Napoli, ma poi ci siamo ritrovati alla Rondinella quando ci giocavo anch’io. I nostri figli vanno a scuola insieme”.

In città c’è grande attesa, dopo che il sogno del ritorno in B si è finalmente realizzato, ora si vogliono trovare conferme sul campo, vedere se la squadra sarà capace di regalare ulteriori gioie ai suoi tifosi. La SPAL è da serie B? Che campionato potrà fare? Sarà la sorpresa, come dicono alcuni addetti ai lavori, o la Cenerentola? Mister Semplici è anch’egli esordiente, alla prima esperienza in B dopo anni di gavetta e dopo aver vinto tutti i campionati dall’Eccellenza alla Lega Pro. Un po’ di emozione, dunque, anche per lui, ma nessuna paura: “Mi sembra che in serie B non ci siano partite dove una squadra mette nettamente sotto l’altra. Una giocata singola può far saltare il banco. Dobbiamo stare attenti e far valere le nostre qualità”. Sulla formazione, il mister non si sbilancia, ma è probabile che non ci saranno grosse sorprese rispetto allo schieramento visto nelle ultime uscite ufficiali.

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0