Tre riserve di troppo nella distinta della SPAL a Benevento: cosa sappiamo e cosa non sappiamo

Il dubbio era già venuto ieri sera al momento di leggere le distinte presentate da Benevento e SPAL: perché i padroni di casa schierano nove riserve e invece i biancazzurri dodici? Impossibilitati a verificare sul momento, abbiamo dato per scontato che anche la Lega di B avesse adottato – un po’ in sordina – la cosiddetta “panchina lunga”, introdotta nel 2012 in serie A ed estesa dalla scorsa stagione anche alla Lega Pro.

distinte benevento-spal

Invece la circolare n.15 della Lega di Serie B, pubblicata il 25 agosto (due giorni prima di Benevento-SPAL) parla abbastanza chiaro. Nelle partite del campionato cadetto si può indicare fino ad un massimo di 9 calciatori di riserva.

circolare 15

Morale: ieri sera Branduani, Vicari e Ghiglione erano formalmente di troppo. Distrazione apparentemente di poco conto, figlia dell’abitudine, ma che rappresenta comunque un episodio preoccupante. Questo è quello che sappiamo finora, ma ci sono aspetti che non sono chiari:

* Se l’arbitro Abisso abbia ravvisato o meno questo particolare al momento di analizzare le distinte.
* Se Branduani, Vicari e Ghiglioni siano stati fatti ugualmente accomodare in panchina o abbiano assistito alla partita dalla tribuna.
* Se questo errore formale sia o meno oggetto di approfondimento da parte della Lega di serie B.
* Se penda o meno un ricorso di qualche tipo da parte del Benevento.
* Se un eventuale ricorso su temi del genere possa sovvertire il risultato del campo.
* A chi spetti la compilazione delle distinte sulla base della conoscenza delle regole della Lega di B.

La società, come avvenne ad agosto 2015 per il caso-Catania, ha declinato ogni commento, rinviando ogni considerazione ufficiale alla giornata di lunedì.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0