Addio ad un altro campione dell’epoca d’oro di Paolo Mazza: ci lascia Ottavio Bugatti

Ottavio Bugatti ha giocato solo due stagioni nella SPAL, ma tanto è bastato per entrare nel pantheon biancazzurro. L’ex portiere, a Ferrara dal 1951 al 1953, si è spento all’età di 88 anni dopo aver legato il suo nome a piazze gloriose come Napoli ed Inter. Bugatti, nativo di Seregno, alla SPAL fu il portiere delle prime due stagioni in serie A (concluse all’ottavo e al nono posto) con 72 presenze a referto. Nell’estate del 1953 venne ceduto al Napoli per la cifra record di 55 milioni di lire, per quello che fu uno dei tanti affari dell’allora Paolo Mazza. Con i partenopei il portiere giocò per otto stagioni consecutive, prima di chiudere gloriosamente da secondo di Giuliano Sarti nella grande Inter di Herrera. Durante la sua militanza alla SPAL ebbe anche la soddisfazione di difendere la porta della Nazionale Olimpica in occasione dei Giochi di Helsinki del 1952.

Nel corso della stagione di serie B 1976-77, la prima del dopo-Mazza, Bugatti tornò brevemente a Ferrara per allenare i biancazzurri dopo l’esonero di Giovanni Ballico, ma rimase solo sette giornate senza mai riuscire a ottenere una vittoria (4 pareggi, 3 sconfitte). Gli subentrò Luisito Suarez e le cose non migliorarono visto che la SPAL chiuse mestamente l’annata con la retrocessione in serie C.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0