Spighi ancora non convocato, Vagnati: Mancato rispetto del regolamento dello spogliatoio

Per la seconda volta consecutiva Mirco Spighi non figura nell’elenco dei tesserati della SPAL: dopo l’esclusione di Pisa (e la tribuna di SPAL-Salernitana) il centrocampista romagnolo è stato escluso ancora una volta, di fatto sollevando interrogativi sulle effettive motivazioni. Durante la conferenza stampa di presentazione del match, a esplicita domanda sulla questione, mister Semplici ha invitato i cronisti presenti a parlare direttamente con la società.

Così abbiamo interpellato il direttore sportivo Davide Vagnati, che a sua volta si è limitato a comunicare che “la scelta della non convocazione è un provvedimento preso in seguito a una mancanza di rispetto verso il regolamento e il codice dello spogliatoio da parte del tesserato”. Formula che può abbracciare una vasta gamma di scenari. Nonostante le mancate convocazioni, Spighi nell’ultimo periodo si è sempre allenato con il resto dei compagni. La società, sempre tramite Vagnati, non ha specificato con esattezza la durata del provvedimento preso, preferendo non aggiungere alcun dettaglio sull’accaduto”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0