Sportal lancia l’indiscrezione: SPAL interessata ad avere Ali Adnan in prestito dall’Udinese

Neanche il tempo di arrivare in fondo al mese di ottobre che già iniziano a spuntare le prime voci di mercato in vista di gennaio, anche in chiave SPAL. Che in via Copparo si pensi di intervenire per ritoccare un po’ l’organico non è un mistero, soprattutto se la classifica alla volta della sosta invernale dovesse richiederlo, ma da qui a fare ipotesi la strada pare essere parecchio lunga. Ciò non toglie che mercoledì il sito Sportal.it abbia buttato lì un nome, quello di Ali Adnan, difensore e all’occorrenza centrocampista classe 1993 dell’Udinese. Nativo di Baghdad, Adnan è stato il primo iracheno a giocare in serie A e nella scorsa stagione ha ben figurato nella pur difficile stagione dei bianconeri. In questa stagione invece le sue prestazioni sono state decisamente scadenti, tanto da indurre il tecnico Gigi Delneri a dichiarare che “Bisogna lavorarci, specie in difesa”. Tra le ragioni che indurrebbero l’Udinese a prestare Adnan ci sarebbe anche la volontà del giocatore di preservare il proprio posto nella nazionale maggiore irachena, di cui è una delle colonne.

Va da sé che si è nel campo delle pure speculazioni, anche se già da tempo circolano spifferi di un canale aperto tra SPAL e Udinese per un’operazione a gennaio, visti anche gli ottimi rapporti tra i ds Vagnati e Bonato. Adnan nasce come esterno di sinistra, zona in cui la SPAL sembra essere più che coperta, ma può giocare anche come interno di centrocampo nella linea a cinque. Se i tempi di recupero di Schiavon dovessero allungarsi ulteriormente, non sarebbe così improbabile vedere un innesto in quello specifico reparto. Piccola curiosità: esattamente dieci anni fa la SPAL schierava Chadi Cheick Merai, il primo siriano della storia del calcio professionistico italiano (43 presenze e 2 gol nella C2 della gestione Tomasi). Se sarà il turno del primo iracheno potrà dirlo solo il tempo.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0