Trullo e i suoi ragazzi vanno avanti a testa alta: Abbiamo dato il massimo

Il post-partita del PalaVerde nelle parole di coach Trullo, Martino Mastellari e Riccardo Cortese. In casa biancazzurra si registra un pizzico di delusione, ma anche la consapevolezza di aver davvero dato il massimo in condizioni non certo ideali.

Tony Trullo
“Abbiamo perso, ma non posso recriminare nulla verso i miei giocatori perché hanno fatto il possibile, giocando in una situazione tutt’altro che comoda. La chiave? Beh, penso sia chiaro: il controllo dei rimbalzi. La loro fisicità è stata fondamentale. Noi siamo stati bravi a non mollare mai, ma il fatto che loro avessero a disposizione praticamente sempre seconde e terze possibilità di andare a canestro alla lunga ha influito parecchio. Questa è stata la differenza sostanziale. Ho il rammarico di non averla potuta giocare al completo, anche se la sconfitta a Treviso si può mettere in conto. Siamo una squadra d’alta classifica? Adesso sembra che tutti ci abbiamo scoperto… a inizio campionato, invece, nessuno avrebbe puntato un euro su di noi. Vedremo, intanto mi godo questi ragazzi che stanno dando tutto quello che hanno”.

Martino Mastellari
“Nonostante la sconfitta sono abbastanza contento, perché abbiamo dimostrato di potercela giocare anche senza un americano. Siamo rimasti uniti anche nei momenti peggiori della partita senza mollare mai e contro una squadra come questa è dimostrazione di forza. Non sono arrivati i due punti, ma sono molto contento sia della mia prestazione in attacco, sia dello spirito e della voglia che abbiamo messo per quaranta minuti. L’assenza di Bowers ha influito soprattutto a centro area, ma sono sicuro che anche se fosse stato presente non avremmo comunque vinto facilmente. Sarebbe stata una gara ancora più tirata, ma non avrebbe garantito la vittoria, perché Treviso rimane una grandissima squadra”.

Riccardo Cortese
“Senza Bowers abbiamo subito tanto a rimbalzo d’attacco e contro una squadra come questa dare seconde opportunità al tiro diventa deleterio. Siamo una squadra conscia delle proprie potenzialità e siamo venuti qui per fare la nostra partita. Li abbiamo messi in difficoltà con la nostra difesa a zona, ma non è stato abbastanza. Sono contento per come abbiamo giocato, perché siamo rimasti uniti e non abbiamo mai mollato nonostante una gara tutta in salita”.

ha collaborato Giacomo Pancaldi

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0