L’allievo Semplici sfida il maestro Cosmi: Partita piena di insidie, non è il Trapani degli inizi

Semplici podio serie B

La SPAL è pronta a partire in direzione Trapani: allo Stadio Provinciale nel posticipo del lunedì (fischio d’inizio alle 20,30) i biancazzurri andranno alla ricerca della quarta vittoria consecutiva in campionato. Nonostante la squadra di Serse Cosmi sia il momentaneo fanalino di coda della Serie B, Leonardo Semplici vuole mantenere massimo il livello di attenzione: “Ci aspetta una gara da prendere con le pinze perché troveremo un ambiente che non vede l’ora di riscattarsi da un inizio incerto e che vuole risalire la china con le unghie e con i denti. Avremo di fronte un Trapani completamente diverso da quello che ha racimolato poco e niente a inizio stagione, perché tre elementi fondamentali della rosa come Coronado, Petkovic e Scozzarella sono tornati a giocare a pieno regime e con loro in campo si è rivista la squadra che l’anno scorso ha raggiunto la finale play-off. Stanno tornando pian piano una formazione competitiva e per questo ci aspetta una partita tutt’altro che facile, sotto tutti i punti di vista”.

L’allenatore toscano, che è stato giocatore di Cosmi (“Ci sentiamo ancora ogni tanto e ricordo con molto piacere quella bella annata trascorsa insieme: riportammo l’Arezzo in una categoria più giusta per la storia della società toscana, la C1 dell’epoca”), però sa che la sua squadra sta viaggiando forte e vuole continuare a cavalcare quest’ondata di entusiasmo finché ce n’è la possibilità: “ll Trapani, è vero, in casa va abbastanza bene. Inoltre, ha a disposizione un organico che per me è uno dei migliori del panorama della Serie B che, sommato all’esperienza dell’allenatore, può essere un fattore fondamentale in certe circostanze. Ma la SPAL si presenta a questo match nel migliori condizioni possibili, sia fisiche che mentali. Ripeto: ci aspetta una partita difficile. Si prospetta un esame importante per noi. Cerchiamo di superare con merito questa prova di maturità. Vogliamo continuare a fare delle belle prestazioni che ci permettano di toglierci delle soddisfazioni in futuro”.

Sul finire della consueta conferenza della vigilia mister Semplici parla della situazione dei suoi ragazzi: “Branduani sta bene mentre Grassi è in forse perché ha accusato un problemino all’adduttore nell’allenamento di ieri. Fuori causa, invece, Schiavon e Cremonesi oltre a Meret”. Unico dubbio in cabina di regia: Arini o Castagnetti? Sciabola o fioretto? “Ancora Castagnetti? Non lo so, anche se nell’ultima uscita mi è piaciuto parecchio. Ma in linea di massima credo che confermerò l’undici che ha avuto la meglio col Brescia sabato scorso. Comunque la scelta di chi mandare in campo dipende da tanti fattori: dall’avversario e da come io e il mio staff decidiamo di affrontare la gara, quindi non è detto che se uno gioca bene sia automaticamente titolare anche il turno successivo. Stiamo valutando le situazioni possibili, ma sono tranquillo perché ho tutti disponibili. Davanti ancora Finotto molto probabilmente, anche se Zigoni quando è stato chiamato in causa ha sempre risposto presente. Adesso è a disposizione anche Cerri, spero che possano lavorare tutti e quattro insieme con continuità durante la settimana, in modo tale da affinare ulteriormente la loro sintonia in campo”.

Semplici per il momento pare soddisfatto della costruzione del gioco della SPAL, al contrario di un’altra cosa: “Dobbiamo assolutamente migliorare nella fase di non possesso se vogliamo fare un campionato che ci garantisca una salvezza senza patemi d’animo. Non possiamo più permetterci di commettere errori grossolani quando difendiamo. Alla lunga queste cose si pagano”.

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0