Stoccata da attaccante di razza di Antenucci, bene anche Schiattarella. Lazzari, che ingenuità

E’ un pareggio tutto sommato giusto quello uscito dalla partita del “Provinciale” di Trapani, anche se la SPAL, passata in vantaggio a fine primo tempo, forse aveva sperato di poter portata a casa qualcosa di più. Non è stata sicuramente una delle prestazioni difensive più convincenti da parte degli uomini di mister Semplici, abili a non soffrire più di tanto i padroni di casa, con una retroguardia sempre organizzata e attenta. Se il reparto difensivo merita una menzione, è davanti che gli spallini hanno invece faticato troppo, con una sola vera palla-gol creata in novanta minuti, quella che ha portato al gol di Antenucci.

IN EVIDENZA
Antenucci: Di errori, soprattutto in fase di controllo, ne commette parecchi, in particolare nei primi quarantacinque minuti di gioco, dando l’idea che non sia giornata. La qualità però si vede proprio in queste circostanze, perché da una delle pochissime occasioni della serata riesce a tirar fuori la chirurgica stoccata del vantaggio. Ci prova anche un altro paio di volte, senza la stessa sorte.

Schiattarella: Comanda i compagni di reparto ed è sempre nel vivo del gioco, cercando anche la giocata rischiosa quando serve, anche se può voler dire perdere brutti palloni. Alla sua buona prestazione aggiunge il prezioso assist per il gol di Antenucci, da manuale in termini di lettura del gioco.

Gasparetto: Il gigante spallino si dimostra autoritario e sicuro, non sbagliando praticamente nulla là dietro e salvando anche Marchegiani dopo pochi minuti. Mezzo voto in più per aver arginato d’esperienza nel primo tempo un’avversario sicuramente non agevole per lui come Coronado.

IN OMBRA
Lazzari: Prestazione così così, piena di sgroppate spesso senza esito, che di base varrebbe una sufficienza. Ma prendere un rosso diretto per proteste dopo nemmeno due minuti dal primo giallo è una grossissima ingenuità, che sicuramente mister Semplici non gli farà passare liscio nel corso della settimana.

Finotto: La copia sbiadita del giustiziere del Brescia. Si batte, ma soffre la fisicità dei difensori siciliani. Paga la scarsa intesa con Antenucci e non sfrutta una buona occasione a metà ripresa calciando malamente.

Castagnetti: Dirige il traffico quasi sempre senza patemi in una partita spigolosa e dai ritmi non certo tambureggianti, soprattutto nel primo tempo. La sua pecca è quella di essere forse troppo scolastico in una serata in cui avrebbe potuto permettersi anche qualcosa in più nella qualità della giocata.

per la foto si ringrazia Stanislao Savalli

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0