Petkovic su rigore risponde ad Antenucci, la SPAL torna dalla Sicilia con un punto prezioso

La SPAL torna dalla trasferta di Trapani con un punto tutto sommato prezioso, che la tiene nei quartieri nobili della classifica. Con l’1-1 del “Provinciale” si interrompe la serie positiva di vittorie (tre), ma resta viva la striscia di risultati utili. I biancazzurri salgono a 25 punti, quota che rappresenta la metà esatta dell’obiettivo di inizio stagione indicato dalla società. Non male se si pensa che mancano ancora sei giornate alla fine del girone d’andata.

Prima frazione di gioco all’insegna del grande equilibrio: Semplici e Cosmi, allievo e maestro, mettono in campo due formazioni ordinate e speculari per disposizione. Il risultato, perfetto per gli amanti dei tatticismi ma meno per tutti quelli che speravano di rivivere le emozioni della gara con il Brescia, è una gara poco avvincente con le palle gol (se così si possono chiamare) contabili sulle dita di una mano. A rompere gli schemi doveva essere per forza uno che fa dell’imprevedibilità e della qualità la sua arma migliore. Mirco Antenucci, lo stesso che in quaranta minuti aveva fatto storcere il naso per aver stranamente sbagliato diverse giocate, al 44′ intuisce il suggerimento di Schiattarella e infila la rasoiata a fil di palo che porta in vantaggio i suoi.
La ripresa si apre come peggio non potrebbe per la SPAL, con il Trapani che spinge (grazie anche all’inserimento di Citro) che si vede ingiustamente assegnare un rigore. Arini commette fallo su Fazio fuori area, Serra di Torino non viene aiutato dal guardalinee e concede il penalty. Dal dischetto va Petkovic, Marchegiani intuisce ma la palla entra in rete. È un’altra partita, in cui il Trapani preme e la SPAL rimane guardinga e pronta a verticalizzare. Semplici butta nella mischia Mora per Castagnetti, il filosofo pesca subito Finotto in area ma l’attaccante colpisce male. Dall’altra porta Marchegiani – al debutto assoluto – suda freddo sui tentativi di Casasola e Coronado da fuori area. Nel finale Semplici manda dentro anche Zigoni (per Finotto) ma non succede molto altro, a parte l’episodio che porta all’espulsione di Lazzari: l’esterno spallino viene stretto in un sandwich da due difensori, va a terra e una volta preso atto del mancato fischio di Serra inveisce a brutto muso contro il guardalinee. Sfogo che gli vale l’espulsione e un posto in tribuna, da squalificato, nel turno di sabato prossimo contro il Latina.

TRAPANI-SPAL 1-0 (1-1)

TRAPANI (3-4-1-2): Guerrieri; Pagliarulo, Casasola, Figliomeni; Fazio (dal 30′ st Canotto), Colombatto (dal 1′ st Citro), Scozzarella, Rizzato; Coronado (dal 37′ st Machin), Barillà; Petkovic. A disp.: Farelli, Balasa, Visconti, Nizzetto, Ciaramitaro, De Cenco. All.: Cosmi.
SPAL (3-5-2): Marchegiani; Gasparetto, Vicari, Giani; Lazzari, Arini, Castagnetti (dal 17′ st Mora), Schiattarella, Beghetto (dal 41′ st Del Grosso); Finotto (dal 26′ st Zigoni), Antenucci. A disp.: Demba, Silvestri, Cerri, Bonifazi, Pontisso, Del Grosso, Ghiglione. All.: Semplici.

MARCATORI: 44′ pt Antenucci (S), 6′ rig. Petkovic (T).
AMMONITI: Arini (S), Beghetto (S), Canotto (T), Marchegiani (S), Lazzari (S), Antenucci (S), Figliomeni (T).
ESPULSI: 43′ Lazzari (S) per proteste.
ARBITRO: Serra di Torino (Assistenti: Chiocchi e Borzomi, IV uomo: Dionisi).
NOTE: terreno sintentico in buone condizioni, calci d’angolo 5-4 per la Spal.

per la foto si ringrazia Stanislao Savalli

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0