Il weekend dei giovani spallini in prestito: Miotto sempre più protagonista, si rivede Posocco

Quello da poco trascorso è stato il fine settimana del ritorno da titolari di Posocco e Farina che, dopo un buon inizio, erano finiti nel dimenticatoio. Esordio amaro per Sarto con la maglia dell’Alfonsine. Nuovo momento difficile per il Fano di Bellemo, mentre sorride Miotto con il Delta in pieno rilancio.

LEGA PRO

FRANCESCO POSOCCO (Santarcangelo, 11 presenze, 773’ minuti giocati) – Dopo quattro turni l’esterno rientra nell’undici titolare di mister Marcolini. I romagnoli superano un Modena allo sbando e causano l’esonero di Pavan. Partita ordinata di Posocco, che lascia il campo sullo 0-0 al 19’ della ripresa, rilevato da Ungaro. Per la testata Modenatoday la sua prova è da 6 in pagella.

ALESSANDRO BELLEMO (Alma Fano Juventus, 15 presenze, 1301’ minuti giocati) e LORENZO CAPEZZANI – L’Alma Fano cede anche al Pordenone (2-1) degli ex spallini Berrettoni, in gol, e Arma. Assente Capezzani, arriva l’ennesima conferma da parte di mister Cusatis per Bellemo al centro della mediana. Fa discutere nell’ambiente l’esclusione per scelta tecnica dell’ex portiere spallino Menegatti. Il centrocampista si fa vedere con un tiro da fuori al 55’ che Tomei è costretto a deviare in corner.

Serie D

ANGELO PANATTI (Pro Sesto, 4 presenze, 82’ minuti giocati, 1 gol)- La Pro Sesto pareggia per 1-1 sul campo della Caronnese dell’ex spallino Matteo Marcolini. L’ex centrocampista della Berretti subentra a Fall al 30’ della ripresa a risultato già acquisito.

ANDREA SEVESO (Caravaggio, 8 presenze, 720’ minuti giocati, 8 gol al passivo) – Assente l’ex portiere della Berretti nel pareggio del Caravaggio con il Pontisola (0-0) degli ex professionisti: Ferreira Pinto, Espinal e Inacio Joelson.

ALESSIO RIGON (Vigontina San Paolo, 8 presenze, 400’ minuti giocati) – Ritrova il campo subentrando a dieci minuti dal fischio finale rilevando il giovanissimo Brugnolo (’98) che aveva sbloccato il match col Vigasio dell’ex Scarpi terminato poi 1-1.
ALESSANDRO MIOTTO (Delta Rovigo, 13 presenze, 1089’ minuti giocati, 1 gol)- Polesani in un gran momento di forma: asfaltano lo Scandicci con un pokerissimo (5-0) in cui trova ancora spazio nel tabellino marcatori l’ex spallino Fortunato. Grande prova di maturità di Miotto, tra i più impiegati nel Delta dall’inizio della stagione e ora si gode con la squadra la zona playoff. Per il Gazzettino prova da 7: “Contro la mediana composta da cinque avversari poteva soffrire, invece ha dato prova di carattere”.

THOMAS DALLA VEDOVA (Eclisse Careni Pievigina, 13 presenze, 1139’ minuti giocati) – L’Eclisse Careni Pievigina perde la sfida salvezza con l’Este (0-1). Consueta prova di sostanza e solidità di Dalla Vedova che guadagna qualche palla inattiva al limite, ma non riesce ad evitare la sconfitta.

ENRICO SARTO (Alfonsine, 1 presenza, 5’ minuti giocati), NICHOLAS DI DOMENICO (1 presenza, 3’ minuti giocati) – Nuovo stop per i ravennati nella trasferta con la Civitanovese (1-0). Panchina per Di Domenico, mentre c’è l’esordio stagionale per Sarto che subentra nel finale a Lombardi sullo 0-0, ma in pieno recupero arriva il gol di Battisti che condanna l’Alfonsine.

ANDREA FARINA (Virtus Castelfranco,4 presenze, 321’ minuti giocati) – Dopo mesi si rivede dal primo minuto. Ritorno poco fortunato per lui, i gialloblu cadono in casa della Sangiovannese che passa per 2-0 e sprecano due rigori, uno dei quali procurato da Ceci che aveva rilevato all’81’ l’ex esterno della Berretti.

ECCELLENZA

MATTEO AMBROSINI (Sant’Agostino, 11 presenze, 990’ minuti giocati), DIEGO BEVILACQUA (12 presenze, 627’ minuti giocati, 1 gol) – I ramarri rischiano la zona retrocessione dopo la sconfitta di misura con il Progresso (0-1). Nel turno infrasettimanale è previsto il derby con l’Argentana, un appuntamento da non sbagliare. Novanta minuti per Ambrosini che corre pochi pericoli, mentre per Bevilacqua c’è la consueta staffetta con Di Natale al 67’.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0